Fatta

Champagnat, approvata variante urbanistica per supermercato. Confersercenti: “Ennesimo sfregio”

Ecco l'ultimo tassello per la realizzazione del market

Champagnat

Genova. Il consiglio comunale ha approvato ieri la proposta di variante al Piano urbanistico comunale funzionale alla riqualificazione del complesso polivalente Champagnat di via Cavallotti, a Sturla.

«Ci troviamo di fronte all’ennesimo sfregio al tessuto commerciale diffuso che, a fatica, prova a resistere all’ormai certificato declino economico e sociale della nostra città – commenta a caldo Paolo Barbieri, vicedirettore di Confesercenti Genova -. Il progetto approvato oggi non si integra con le realtà esistenti e non le valorizza, avendo come unico fine quello di “fare cassa”».

La variazione al Puc, infatti, da il via libera finale alla costruzione di una area commerciale con una media superficie di vendita, condizione senza la quale “l’affare” sarebbe saltato e l’area abbandonata dai Padri Maristi.

«Purtroppo – prosegue Barbieri – si è scelta ancora una volta la stessa strada, quella all’apparenza più semplice, ovvero aprire punti di grande distribuzione in una città ormai satura, senza prendere neppure in considerazione l’inserimento di attività produttive innovative e ad alto valore aggiunto che avrebbero potuto cambiare realmente il futuro di Genova e dei suoi quartieri. Rinnoviamo, ovviamente, la richiesta di una moratoria a nuove aperture e l’attivazione, sin da subito, di un tavolo di confronto per la realizzazione di una politica attiva di sostegno al tessuto commerciale diffuso, visto anche il numero di saracinesche abbassate negli ultimi mesi e le sempre maggiori difficoltà nel fare impresa incontrate dalle piccole superfici commerciali».

Più informazioni

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Genova24 è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Genova24 di restare un giornale gratuito.