Allarme

Cantieristica navale, commessa Seabourn a rischio. Scende in campo la Regione

La perdita di un lavoro da 400 milioni di euro penalizzerebbe non solo i Mariotti ma tutto il settore a Genova. Benveduti: "Pronti a mettere in campo ogni azione"

PIC 1668

Genova. “La notizia sul possibile trasferimento all’estero della commessa Seabourn ci preoccupa. I cantieri Mariotti sono uno dei più importanti attori della scena industriale genovese con un know-how di primo piano a livello internazionale. Pertanto, con il mio assessorato, siamo a disposizione per mettere in campo ogni azione indirizzata al supporto dei Cantieri perché possano trovare quell’equilibrio finanziario necessario affinché le commesse Seabourn restino a Genova, generando occupazione diretta e nell’indotto”. Lo dichiara l’assessore regionale allo Sviluppo economico Andrea Benveduti.

Seabourn, il marchio del lusso e dell’esplorazione del gruppo Carnival. La prima unità dovrebbe essere consegnata a giugno 2021 e la seconda nel maggio 2022. L’ordine vale oltre 400 milioni di euro.

L’allarme è stato lanciato dalla Fiom Cigl e ripreso dalla stampa specializzata. Il rischio di perdita della commessa sarebbe legato a un raffreddamento nella volontà di investire da parte delle banche coinvolte nel progetto.

Più informazioni

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Genova24 è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Genova24 di restare un giornale gratuito.