Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Cade il Crocefieschi. Pro Pontedecimo nuova capolista risultati

Campionato imprevedibile e molto aperto con le prime tre racchiuse in appena due punti davanti ad un gruppo compatto

Non doveva sbagliare e non lo ha fatto la Pro Pontedecimo che vince a mani basse in trasferta contro un derelitto San Giovanni Battista e balza al primo posto sfruttando lo scivolone del Crocefieschi. I granata, sempre seguiti da un folto gruppo di tifosi, impiegano 5’ per passare in vantaggio con un colpo di testa di Ponte. Al 15° raddoppio di Pasti che si ritrova nei piedi un rinvio sciagurato di D’Allura. Da due passi non sbaglia e fa 0-2.

La Pro amministra e non infierisce almeno fino al finale di gara quando Pasti si esibisce in una splendida azione personale conclusasi con la palla nel sacco.All’87° si rivede Bah, l’uomo chiave sui cambi che quando entra segna sempre ed è definitivo 0-4.

Da parte sua il Crocefieschi cade in trasferta contro un Begato che ora sogna in grande. Al 12° a sbloccarla è un colpo di testa imperioso di Russotto che manda avanti il Begato. Il pari arriva al 29° con un bel tiro di Cogorno che non lascia scampo a Perelli. L’equilibrio dura un lampo perché due minuti dopo una punizione di Mazzotta riporta avanti i padroni di casa che giocano meglio e colpiscono anche una traversa con Giampieri. Si arriva alla ripresa che si apre con una conclusione meravigliosa di Sbardellati che pareggia, ma ancora una volta l’equilibrio dura pochissimo e Russotto ancora una volta è pronto in area a risolvere una mischia scaraventando la sfera in porta. Il gol è decisivo perché il Crocefieschi non riesce a reagire e anzi rischia di patire il poker quando Nacci colpisce la traversa.

A beneficiare del ko esterno del Crocefieschi c’è anche il Progetto Atletico che sale al secondo posto superando proprio i biancoazzurri. La vittoria arriva a Bavari ed è frutto di una gara ben giocata che dopo lo spavento iniziale con la traversa di Alvarado, ma che al 41° si sblocca in favore degli ospiti che passano con Fioretti. Nel secondo tempo un calcio di rigore calciato da Fiorentino consente di mettere al sicuro il risultato. Inutile la rete al 90° di Noris che calcia e beneficia di uno scivolone di Barbarossa col pallone che entra lento in porta.

Brusco risveglio del Ravecca che dopo la vittoria di sette giorni fa, deve fare i conti con una vittoria netta del Voltri 87. La partita si anima al 10° quando l’arbitro decreta un rigore per i voltresi che Casu non sbaglia. Decisione molto contestata dagli ospiti che comunque riescono a pareggiare al 18° con Sechi. Al 32° arriva, però il raddoppio dei padroni di casa con Aufiero. La ripresa poi vede il Ravecca giocare all’attacco e mettere in difficoltà gli avversari che tuttavia si difendono bene e la chiudono nel finale con i gol di Harisha all’82° e ancora Aufiero all’85°.

Un punto utile anche per il Golacademy contro il Fegino, anche se probabilmente con un po’ più di lucidità sarebbero potuti essere addirittura tre. Infatti dopo un primo tempo soporifero, le squadre si scatenano nella ripresa. Orellana trova il varco al 53° per l’1-0 locale. Il Fegino reagisce e pareggia al 65°, ma a dieci minuti dopo è ancora Golacademy con Zanardi stavolta per il 2-1. I padroni di casa tengono l’assalto avversario fino alla fine, ma proprio all’ultimo minuto Iencinella interviene in area e provoca un rigore che costa a lui l’espulsione e alla sua squadra la vittoria. Dal dischetto infatti Lamonica non sbaglia e la partita termina 2-2.

Prosegue il momento d’oro dell’Atletico Genova che ottiene il settimo risultato utile consecutivo. Contro il Borgoratti arriva una vittoria non semplice e raggiunta in dieci minuti di fuoco. Infatti dal 55° al 65° arriveranno tutti e tre i gol della partita. Vantaggio di Ierardi per l’Atletico che viene equilibrato da Lena, neoacquisto del Borgoratti che appena entrato viene chiamato al difficile compito di tirare il rigore assegnato dall’arbitro. Equilibrio che dura appena 4’ perché Greco, anch’egli subentrato dalla panchina, piazza la zampata che si rivelerà decisiva e fa 1-2. Borgoratti in difficoltà e scivolato indietro in classifica.