Tutela

61 mila euro per l’apicoltura ligure, bando aperto fino al 25 febbraio

Per acquisto attrezzature, arnie, api regine e sciami, per la campagna 2018-2019

api apicoltori

Genova. Approvato dalla giunta regionale, su proposta dell’assessore all’Agricoltura Stefano Mai, il bando da 61mila per il finanziamento degli interventi nel settore apistico per acquisto attrezzature, arnie, api regine e sciami, per la campagna 2018-2019.

“Con questo bando – spiega l’assessore Stefano Mai – vogliamo sostenere un settore importante per il nostro entroterra, fornendo contributi per l’acquisto di attrezzatura come smielatori e maturatori del miele, presidi sanitari, api regine e sciami”.

Possono fare domanda le associazioni di apicoltori (costituite con atto pubblico, con sede in Liguria, con numero di soci superiore al 10% del totale degli apicoltori liguri registrati nell’anagrafe apistica nazionale, con un numero di alveari denunciati dai soci superiore al 10% del totale degli alveari denunciati registrati per la Liguria nell’anagrafe apistica nazionale, con attività su almeno tre province con un numero di soci nella provincia più rappresentata non superiore al 70% dei soci), e gli apicoltori singoli (apicoltori, imprenditori apistici e apicoltori professionisti singoli o associate in forme cooperative, iscritti all’anagrafe apistica nazionale). Gli apicoltori singoli, per poter partecipare alla sottoazione a.6, devono aver denunciato almeno 20 alveari.

Ciascun beneficiario, individuato da un Centro di Assistenza in Agricoltura, può presentare una sola domanda. L’importo minimo complessivo di contributo richiesto non può essere inferiore a 300 euro. Le domande devono essere presentate entro il 25 febbraio 2019 e indirizzate al Settore Politiche Agricole e della Pesca di Regione Liguria.

Più informazioni

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Genova24 è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Genova24 di restare un giornale gratuito.