Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Virtus Entella, quattro su quattro: espugnata Pontedera risultati

Concretezza per giungere al gol, poi controllo del risultato: la squadra di mister Boscaglia vince ancora

Chiavari. Ancora una prova superata dalla Virtus Entella. Cinica, concreta senza strafare, solida. La squadra chiavarese convince e mette a segno il quarto successo, il secondo in trasferta, uscendo vincitrice dal Mannucci di Pontedera con il risultato di 2 a 1.

La cronaca. Ivan Maraia, allenatore del Pontedera, schiera un 3-5-1-1 con Biggeri; Borri, Vettori, Ropolo; Calcagni, Caponi, Mannini, La Vigna, Magrini; Bruzzo; Tommasini.

Le riserve sono Sarri, Marinca, Benassai, Giuliani, Pinzauti, A. Benedetti, Raimo, Serena, R. Benedetti, Masetti, Marseglia, Prete.

Roberto Boscaglia non ha problemi di assenze e risponde con un 4-3-1-2 con Massolo; Belli, Baroni, Pellizzer, Germoni; Paolucci, Icardi, Nizzetto; Currarino; Mota Carvalho, Caturano.

A disposizione ci sono Paroni, Cleur, Zigrossi, Crialese, Di Paola, Benedetti, Ardizzone, Petrovic, Diaw, Adorjan, Eramo, Martinho.

Arbitra Sajmir Kumara della sezione di Verona, con l’assistenza di Stefano Montagnani (Salerno) e Marco Ceolin (Treviso). Locali in completo granata; chiavaresi in tenuta biancoceleste. Tra gli spettatori ci sono una quarantina di tifosi dell’Entella.

Al 3°, al primo affondo, Currarino mette al centro un pallone arretrato sul quale né Mota Carvalho né Caturano riescono ad intervenire.

L’Entella calcia un angolo al 5° ed ha a disposizione una punizione per fallo di Caponi su Mota Carvalho al 9°, ma non riesce ad arrivare alla conclusione.

Al 12° Currarino si accentra e scocca un tiro dal limite dell’area che fa la barba al palo.

Entrambe le squadre provano a farsi avanti con lanci e cross nel mezzo, ma le difese fanno buona guardia.

Al 24° viene ammonito Paolucci. Il gioco è molto spezzettato, le iniziative offensive vengono presto fermate da ambo le parti.

Sono i chiavaresi ad avere in mano il pallino del gioco e al 40° calciano due corner in successione, ma l’azione si conclude con un fallo in attacco.

Si va al riposo senza recupero sullo 0 a 0, al termine di un primo tempo privo di emozioni.

Nel secondo tempo, dopo poco più di 1′, l’Entella sblocca il risultato: cross di Gerboni, gran tiro di Nizzetto dal limite Mota Carvalho è sulla traiettoria ma non interviene, ingannando il portiere e la palla si insacca.

Al 7° il primo tiro del Pontedera: palla da Mannini a Caponi che conclude abbondantemente a lato.

Al 10° la prima sostituzione, tra i granata: Pinzauti per Bruzzo. Poco dopo Boscaglia inserisce Eramo al posto di Icardi.

Al 14° il Pontedera ristabilisce la parità: Caponi guadagna una punizione dai venti metri; la calcia egli stesso disegnando una traiettoria che aggira la barriera e si rivela fatale per Massolo.

I locali insistono: al 15° conclusione di Pinzauti che impegna Massolo, bravo a deviare in angolo. Pontedera ancor più pericoloso un paio di minuti dopo: Pinzauti si muove bene in area e scocca un destro che Massolo respinge in corner.

Al 18° dentro Diaw al posto di Caturano. L’Entella respira e al 21° conquista un angolo con un cross di Mota Carvalho respinto. Sugli sviluppi Nizzetto mette in mezzo, la sfera scorre in area e Biggeri la fa sua.

Al 23° i chiavaresi tornano in vantaggio con un fulminante destro di Belli che raccoglie dal limite una palla ben difesa e messa fuori da Diaw. Entella avanti 2 a 1.

Il Pontedera prova ad attaccare, ma al 28° i biancocelesti agiscono in ripartenza: Eramo si invola sulla destra e tocca per Currarino, il cui destro termina a lato.

Al 31° occasione per Diaw: conclusione a rete ed una deviazione di Borri costringe Biggeri ad un intervento in tuffo per mettere in angolo.

Al 32° Ardizzone e Martinho prendono il posto di Currarino e Mota Carvalho. Tra i padroni di casa entrano Serena e Riccardo Benedetti, escono La Vigna e Tommasini.

Il finale è di marca locale; la squadra di mister Boscaglia gioca in maniera accorta e controlla. Al 39° Pinzauti ci prova dalla lunga distanza ma non spaventa Massolo.

Al 41° l’ultimo cambio: entra Raimo per Calcagni. Al 43° Paolucci ritarda la battuta di un corner e viene ammonito per la seconda volta: Entella in dieci.

L’arbitro concede cinque minuti di recupero, nei quali si annotano solamente le ammonizioni di Martinho e Diaw.

La Virtus Entella, con sole quattro partite giocate, è già al settimo posto in classifica. Domenica 18 novembre alle ore 16,30 ospiterà l’Alessandria.