Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Vendita farmacie comunale, la giunta Bucci approva la delibera: presto il voto in consiglio

Nonostante le proteste di lavoratori e sindacati e anche la contrarietà espressa da alcuni esponenti della maggioranza. Le critiche del Pd

Più informazioni su

Genova. Approvata oggi dalla giunta Bucci la delibera che prevede la vendita in blocco delle otto farmacie comunali genovesi. Nonostante le proteste a più riprese in consiglio comunale e l’audizione dei sindacati, durante la quale l’opposizione tutta e diversi gruppi della maggioranza si sono espressi negativamente sull’operazione, l’amministrazione ha deciso di tirare dritto.

Sul caso la critica del gruppo del Pd a Tursi: “Riteniamo sottostimato il valore di circa 10 milioni di euro indicato nella delibera e non conosciamo i criteri in base ai quali si è arrivati a questa valutazione economica, considerato che non ci è mai stata consegnata nessuna relazione o perizia a riguardo”.

Martedì scorso, 6 novembre, in conferenza capigruppo, alla presenza dei lavoratori delle farmacie comunali, non è stato comunicato che la delibera era già approvata.

“Ugualmente sono stati ignorati i sacrifici legati al processo di riorganizzazione deciso – continua la nota del Pd – finanziato e portato avanti in passato dall’amministrazione e dai lavoratori, grazie al quale l’azienda è in attivo da quattro anni, offre un servizio attento e specializzato e costituisce per molti cittadini il primo presidio sanitario nei diversi quartieri genovesi. Rimaniamo fermamente contrari a questa scelta della giunta Bucci che sembra dettata dall’unico scopo di far cassa. E siamo fortemente preoccupati per il destino dei 42 dipendenti coinvolti, la cui occupazione verrà garantita solo per il triennio 2019-2021. Ci batteremo nelle sedi istituzionali e in piazza perché i diritti di questi lavoratori vengano tutelati fino in fondo”.