Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Sampdoria sconfitta, il Toro cala il poker risultati fotogallery

Doppietta di Belotti e due reti degli ex rossoblù Falque e Izzo rendono pesante questa domenica per i blucerchiati

Genova. Brutta sconfitta per la Sampdoria che subisce ben 4 gol in casa contro un Torino oggi davvero in palla. Poche idee, molta confusione a centrocampo per la squadra di Giampaolo che ha dovuto anche subire l’infortunio di Barreto in occasione della prima rete granata. La rete segnata da Quagliarella non serve a indorare una pillola particolarmente amara.

Primo tempo, sotto di due gol

Saponara trequartista, Caprari accanto a Quagliarella. Queste le pedine scelte da Giampaolo per la sfida.

I granata partono subito col piede sull’acceleratore e la Sampdoria cerca di rintuzzare e ripartire. Soprattutto De Silvestri sulla destra sembra in giornata sì e Murru fa parecchia fatica a contenerlo. Proprio l’ex doriano al 12′ effettua il cross da cui scaturisce il vantaggio degli ospiti: Belotti prende il tempo a Tonelli e di testa angola dove Audero non può arrivare. Grandi proteste perché nella lunga manovra che ha portato il Torino in vantaggio, Barreto si è infortunato. Tuttavia, secondo il regolamento, essendo fuori dal campo, non è necessario fermare il gioco.

L’infortunio del centrocampista blucerchiato è tale da obbligare Giampaolo al cambio: dentro Linetty che si sistema a sinistra, Praet va a destra.

La mossa sembra dare un maggiore equilibrio alla squadra, che comincia a giocare meglio, anche se per le occasioni da gol occorre attendere il 22′, quando Caprari prova il tiro a giro, fuori di non molto, e il 34′, anche se in questo caso non si tratta di un tiro, ma di un bell’inserimento di Ekdal, liberato da un filtrante di Caprari, il rimpallo non è favorevole al blucerchiato. Il Toro pressa alto e la Sampdoria ha difficoltà a giocare come al solito. Caprari sbaglia qualche pallone di troppo.

Un’indecisione difensiva provoca il calcio di rigore che consente al Torino di raddoppiare nel finale di primo tempo: aggancio di Belotti in area, che sfugge a Murru e si fa atterrare da Audero. Lo stesso attaccante granata trasforma.

Addirittura il Toro sfiora la terza rete in pieno recupero con un mancino di Falque che esce di pochissimo.

Secondo tempo, il risultato si fa più pesante

Nella ripresa si parte senza cambi, ma dopo 8 minuti Giampaolo dà spazio a Defrel per Saponara, Caprari va a fare il trequartista. Il Torino non accenna a diminuire la pressione, arriva sempre primo sul pallone, la partita è difficilissima soprattutto per il centrocampo che non riesce a fare superiorità numerica. A segnare però è ancora il Torino: ennesimo cross di De Silvestri, sponda di Ola Aina e Falque con un gran tiro al volo infila Audero.

La Samp non riesce ad avere la solita reazione, anche merito della squadra di Mazzarri, oggi guidata dal secondo Frustalupi, che non molla un attimo.

Un regalo di Baselli, che atterra Praet in area dove non poteva far troppo male, consente alla squadra di Giampaolo di accorciare le distanze: Sirigu si conferma un pararigori eccezionale (gli ultimi 4 contro li ha disinnescati), la sua respinta sul tiro di Quagliarella però non è sufficiente a impedire la ribattuta dell’attaccante campano per il momentaneo 1-3.

È il momento migliore della Samp, che sembra di poter gettare il cuore oltre l’ostacolo per provare il disperato recupero, bastano però alcune accelerazioni dei centrocampisti avversari per far capire che il Torino è ancora come il gatto col topo: Aina di prepotenza se ne va sulla sinistra, il suo cross è perfetto per Belotti, che al volo indirizza verso la porta, Audero respinge come può (71′). Dentro anche Kownacki per Caprari, fischiato, ma non cambia nulla, anzi, è il Torino a segnare la quarta rete con l’ex rossoblù Izzo, che sottomisura al 78′ sfrutta un corner di Berenguer deviato da Belotti.

Ancora Berenguer, un buon impatto sulla partita il suo, su calcio piazzato serve Belotti che non riesce ad arrivare troppo bene sul pallone per fortuna di Audero che respinge.

L’ultimo ad arrendersi è Quagliarella: sua la girata al 90′ per una delle rare occasioni della Samp, finita sul fondo.

Sampdoria-Torino 1-4

12′ Belotti; 43′ Belotti (R); 56′ Falque; 65′ Quagliarella; 78′ Izzo

Sampdoria: Audero, Bereszynski, Tonelli, Andersen, Murru, Barreto (14′ Linetty), Ekdal, Praet, Saponara (53′ Defrel), Quagliarella, Caprari (79′ Kownacki).

A disposizione: Cabral, Belec, Vieira, Sala, Ramirez, Jankto, Colley, Linetty, Tavares, Ferrari.

Allenatore: Giampaolo

Torino: Sirigu, Izzo, Nkoulou, Djidji, De Silvestri, Baselli, Rincon (84′ Soriano), Meite, Aina, Falque (69′ Berenguer), Belotti (82′ Zaza).

A disposizione: Ichazo, Rossati, Lyanco, Lukic, Ansaldi, Edera, Moretti, Parigini, Bremer.

Allenatore: Frustalupi

Arbitro: Rocchi di Firenze.

Ammoniti: Ekdal (S); Rincon, Meité (T)

Spettatori: 3307 paganti, 42.218 incasso euro, 17.057 abbonati, 170.851,38 euro la quota gara.