Serie b2

Remuntada… a metà: la PSA Olympia si ferma ad un passo dall’impresarisultati

Le gialloblù recuperano due set di svantaggio, ma nel tie-break cedono 12 a 15

Genova. La remuntada… si ferma a un passo dal traguardo. La PSA Olympia per la prima volta esce dal campo sconfitta e lo fa al termine di un match tiratissimo, nel quale il Busa-Food Lab Gossolengo va addirittura avanti 2 a 0, prima del ritorno delle genovesi.

Ma andiamo con ordine. Nel primo set le ragazze di coach Oddera commettono diversi errori e partono subito ad handicap, ritrovandosi sotto di 3. Piano piano le gialloblù riescono a tornare in parità, sul 18-18, e Bilamour firma il primo vantaggio Olympia sul 19-18. Gossolengo però torna avanti 22-21 e piazza il nuovo strappo fino al 24-21 per poi chiudere il set 25-22.

Anche il secondo set parte all’insegna dell’equilibrio fino al 5-5, poi la squadra ospite prende il primo margine, portandosi sul 10-6. Gli scambi sono davvero interminabili e la palla sembra non volerne sapere di cadere a terra. Le due squadre si danno battaglia ma il distacco resta sempre intorno ai 3/4 punti in favore delle ospiti. L’Olympia si rifà sotto fino al meno 2 (19-21) e un ace di Bilamour con l’aiuto del nastro vale il meno 1 sul 22-23. Un muro-fuori millimetrico però regala al Busa il punto del 24-22 e il definitivo 25-22 segna il 2 a 0 per la formazione piacentina.

Sotto di due set, in casa e contro la più diretta avversaria di classifica. Dentro il PalaOlympia l’atmosfera si fa grigia, proprio come le nubi che continuano a scaricare secchiate di pioggia sul tetto della palestra. Ma le ragazze di Oddera non sono tipe da farsi spaventare. Serve l’impresa? Basta tirar fuori gli artigli!

Il terzo set parte bene, anzi, molto bene e l’Olympia vola col vento in poppa, arrivando al più 6 sul 10-4 al primo time-out. Il vantaggio delle padrone di casa cresce, lentamente ma inesorabilmente, fino al 18-7. Gossolengo prova a far vedere di essere ancora viva e risale un po’ la china fino al 24-13, annulla un paio di set point ma alla fine ci pensa capitan Gorini, con un preciso e astuto tocco di seconda, a chiudere il set: 25-16. E’ l’iniezione di fiducia che ci voleva.

Il quarto set però parte male per le genovesi, sotto per 5-1 in avvio. Con le unghie e con i denti, le ragazze della PSA si riportano subito in parità sul 7-7 e poi piazzano la zampata delle campionesse, con uno strappo che vale il vantaggio 13-10. Anche stavolta l’Olympia deve sudare ma alla fine mette a terra un pallone dopo l’altro, portandosi sul 20-15, poi sul 24-17. Ci vogliono ancora tre tentativi per chiudere il set poi tocca a Parodi sbattere a terra la palla del definitivo 25-20. Si va al tie-break.

Adesso, però, il vento della partita è completamente cambiato e sono le ragazze di coach Oddera a partire meglio, portandosi subito sul 4-0. Il time-out chiamato dalla panchina ospite spezza però il ritmo nel momento giusto e Gossolengo torna in parità sul 7-7. Le ospiti adesso ci credono e piazzano una tripla pesante, portandosi sul 10-7. Si va avanti così, punto a punto, fino al 14-11 quando Bilamour centra un altro ace che riaccende una fiammella di speranza sul 14-12, ma non basta. La compagine emiliana mette a terra il 15-12 e il match va in archivio. Prima sconfitta in campionato per l’Olympia, sebbene ci si possa comunque consolare con un punticino che aiuta a muovere la classifica.

Diciamo che nei primi due set abbiamo commesso tanti errori ma siamo comunque state lì – commenta a caldo capitan Giada Gorini -. Abbiamo commesso qualche errore proprio nei momenti decisivi, alcuni sicuramente anche miei personali di cui mi assumo le responsabilità. In quel momento, magari, riuscendo a recuperare il primo set e a vincerlo, allora la partita poteva prendere tutta un’altra piega. I set vinti li abbiamo vinti anche in scioltezza, poi al tie-break eravamo partite avanti ma ci siamo fatte recuperare. Loro comunque sono venute qui a fare una bella partita. Complimenti anche all’avversario ma noi potevamo approcciare un po’ meglio questa partita. Diciamo che altre volte abbiamo espresso un volley migliore e che siamo in grado di esprimere un volley migliore di quanto fatto vedere oggi. Adesso però possiamo solo guardare avanti ed è quello che faremo”.

Prossimo appuntamento per la PSA Olympia: sabato 17 novembre alle ore 21 ad Albisola Superiore contro l’Iglina.