Quantcast
Vertenza

Presidio lavoratori Ericsson, Salvatore (M5S): “Solidali, l’azienda continua a comportarsi male”

"Ericsson unilateralmente intende eliminare la contrattazione di secondo livello ai lavoratori e conferma quanto abbiamo sempre affermato", dice Alice Salvatore

Alice Salvatore

Genova. “La notizia secondo cui Ericsson unilateralmente intende eliminare la contrattazione di secondo livello ai lavoratori, conferma quanto abbiamo sempre affermato – dichiara Alice Salvatore, consigliere del Movimento 5 Stelle in consiglio regionale  – il colosso svedese si è sempre comportato malissimo con i propri dipendenti e continua a farlo”.

La multinazionale, come si legge nella nota della rappresentanza sindacale unitaria diffusa ieri, ha disdettato tutti i contratti aziendali.

Dopo i licenziamenti dello scorso anno, Ericsson, “che ha appena ricevuto Sergio Mattarella in visita alla sede svedese e in quell’occasione si è vantata sbandierando i risultati a livello nazionale, passa ora a tagliare i salari e diritti di tutti i dipendenti: quattordicesima, pagamento degli straordinari, permessi, diritti derivanti dalla reperibilità al lavoro notturno, e poi ancora buoni pasto, rimborsi chilometrici, trattamenti di trasferta – aggiunge Salvatore – il MoVimento 5 Stelle è solidale con i dipendenti Ericsson e ne sostiene lo sciopero odierno con presidio davanti alla sede Ericsson agli Erzelli”.