Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Portofino, Italia Nostra ancora in allarme: “Chiarezza su cosa verrà fatto alla strada nel parco, evitare scempi”

Potrebbe diventare un "cavallo di Troia" per future speculazioni

Genova. “Caro Toti, Italia Nostra non ha niente a che fare con l”ambientalismo malato”, ma al contrario è fatta di persone, che amano, studiano, conoscono e difendono il paesaggio e il patrimonio culturale del Paese”.

italia nostra portofino tracciato vetta

Con questa stoccata si chiude la nota stampa di Italia Nostra, in risposta alle recenti dichiarazioni ufficiali sulla questione legata alla strada Portofino-Vetta, ad oggi l’unico passaggio terrestre che collega il borgo marinaro con il mondo.

Al lavoro, infatti, è il genio militare dell’esercito italiano, che sta intervenendo sulla strada per renderla fruibile, ma che stando alle dichiarazioni ufficiali è stato chiamato anche per “consolidare”: “Si faccia chiarezza – chiede Ermete Bogetti, presidente della sezione genovese di Italia Nostra – perchè se l’intenzione è quella di far passare gli scuola bus gli interventi potrebbero essere invasivi e deturpanti”.

La strada, infatti, già oggi è percorribile, ed è percorsa, per mezzi di soccorso e sicurezza, per lo più piccolo fuori strada, leggeri: “E’ una strada fangosa, a tratti ripida e con curve molto strette, cedevole – scrivono – per fare passare un bus pieno di bambini in sicurezza, bisogna fare interventi molto pesanti”.

Ma cosa teme Italia Nostra? La paura principale è che una strada allargata, rinforzata e maggiormente fruibile, oltre ad aver cambiato l’aspetto dell’antico tracciato in molti tratti lastricato e perfettamente inserito nel contesto naturale, diventi una sorta di “cavallo di Troia” per maggiori flussi e speculazioni.

“Non dubitiamo delle intenzioni di Toti e del sindaco di Portofino – spiegano gli attivisti di Italia Nostra che hanno racchiuso le loro richieste e riflessioni nel video che pubblichiamo – ma loro sono amministratori pro-tempore. Una strada più accessibile porterebbe ad appetiti molto forti in futuro”.