Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Portofino isolata e senza gas, lunedì riunione in prefettura per la ricostruzione della strada distrutta dalle onde

Stamani sopralluogo del presidente della Regione Giovanni Toti: "Intervento molto complesso da un punto di vista ingegneristico e paesaggistico, ma bisogna fare presto"

Genova. Lunedì in prefettura a Genova si terrà una prima riunione operativa con tutte le istituzioni e i soggetti competenti per iniziare a progettare il ripristino della Sp 227, la strada di collegamento tra Santa Margherita Ligure e Portofino, distrutta per circa un centinaio di metri dalla mareggiata record del 29 ottobre.

Lo ha annunciato questa mattina il presidente della Regione Liguria Giovanni Toti durante un sopralluogo a Santa Margherita e nella stessa Portofino che, ricordiamo, al momento è collegata al resto del mondo soltanto via mare.

“Quella strada deve essere rimessa in funzione al più presto – dice il governatore ligure – specialmente entro l’inizio della stagione turistica, ma si tratta di un intervento molto complesso sia da un punto di vista ingegneristico, sia paesaggistico, sarà necessario costruire una nuova massicciata di scogli, una palizzata su cui poggiare la soletta stradale e i metri distrutti sono molti”.

Al momento è interrotta anche la carrareccia che collega Portofino mare al crinale sovrastante. “Bisogna metterla in sicurezza al più presto in modo che possa essere utilizzata in fase di emergenza da mezzi sanitari – spiega Toti – di protezione civile o da chi ne farà richiesta al Comune stesso di Portofino, perché se dovessero esserci condizioni marine avverse alla navigazione la cittadina sarebbe sì, allora, totalmente isolata”.

A Portofino è tornata l’acqua ed è tornata la luce, manca ancora il gas. Gli alberghi e ristoranti, nonostante i problemi, sono comunque aperti, e hanno qualche sparuto ospite. “Ma devono poter tornare a lavorare – continua il presidente della Regione – quindi bisognerà ripristinare al più presto tutte le utenze”. Nei giorni scorsi si era parlato della possibilità di portare il gas con una nave cisterna.