Regolare

Pontedecimo, treno regionale sempre in ritardo? Bus Atp cambia orario dopo segnalazione utenti

"Non solo formaggio", enogastronomia di Millesimo (Redazionale)

Genova. Atp Esercizio adegua l’orario del bus da Pontedecimo a Pietralavezzara (via Campomorone e Langasco) dopo svariate segnalazioni da parte dei pendolari della Valpolcevera, che da mesi non riescono a salire a bordo del bus che collega la stazione di Pontedecimo a Pietralavezzara a causa del costante ritardo del treno regionale 21160 in arrivo da Brignole e diretto ad Arquata.

Il convoglio, stando alle segnalazioni dei passeggeri, raggiunge Pontedecimo intorno alle 19.00 invece che alle 18.51 così come previsto dall’orario in vigore; col risultato che la corriera delle 19.00, parcheggiata fuori della stazione, molto spesso lascia i pendolari a terra.

Da qui la richiesta, un po’ inconsueta, di far ritardare anche la partenza del mezzo Atp. Richiesta che è stata soddisfatta, come spiega Roberto Rolandelli, direttore operativo di Atp Esercizio: «I nostri passeggeri hanno chiesto di posticipare la partenza del mezzo di 5 minuti, dalle 19 alle 19.05 e noi abbiamo deciso di andare incontro a questa richiesta. Ovviamente con le Ferrovie c’è piena collaborazione, ma nel rispondere alle esigenze dei nostri abbonati pendolari dobbiamo basarci sulla realtà oggettiva e non solo sugli orari stabiliti. Se un treno è in continuo ritardo e i viaggiatori lo fanno notare in maniera continuativa, noi organizziamo le nostre partenze in base all’orario effettivo. Anche se spesso Atp si adegua agli orari del treno e mai avviene il contrario».

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Genova24 è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Genova24 di restare un giornale gratuito.