L'annuncio

Ponte Morandi, Bucci: “Ora che il decreto è legge, ricostruzione ad aprile”

Il sindaco commissario: "Questa sera invieremo le lettere alle aziende pronte a eseguire i lavori, tra fine novembre e inizio dicembre decideremo chi lo farà"

Genova. “Questa sera invieremo le lettere, e sono oltre una decina, alle aziende interessate a portare avanti la demolizione e la ricostruzione di ponte Morandi, sono fiducioso di poter partire con la demolizione il 15 dicembre e con la ricostruzione già ad aprile”, così il sindaco di Genova Marco Bucci, commissario per la ricostruzione di ponte Morandi, ha annunciato il cronoprogramma dei cantieri.

Il sindaco di Genova Marco Bucci, commissario per la ricostruzione di ponte Morandi, ha spiegato che dopo l’invio delle lettere alle aziende che saranno coinvolte per la ricostruzione, “ci saranno 10 giorni di tempo per le risposte, entro il 26 novembre, nel frattempo andremo avanti con le richieste di dissequestro – continua il commissario straordinario – e sceglieremo quindi, tra l’ultima settimana di novembre e la prima di dicembre, le aziende che sono già pronte al lavorare”.

Sulle polemiche legate al condono per Ischia, Bucci non commenta: “Non sta a me giudicare, io penso a Genova, una città che deve crescere come stava già tornando a fare”. Il sindaco conferma l’imminente apertura di corso Perrone, strada che oggi ricade in zona rossa, e di quella futura di via Perlasca, la direttrice di scorrimento sulla sponda sinistra del torrente Polcevera. “Un grosso aiuto per la viabilità di Genova arriverà con l’ultimazione del lotto 10, il collegamento diretto tra la strada Guido Rossa e il casello autostradale di aeroporto”.

Alla domanda se sia soddisfatto del decreto, il sindaco-commissario risponde: “Sono campione mondiale di bicchiere mezzo pieno – scherza, ma aggiunge – per come è stato modificato, il decreto che diventa legge risponde per il 95% alle nostre richieste, ci sono quasi 900 milioni euro che arriveranno per la rinascita di Genova”.

Il sindaco conferma: “Nel mio timetable voglio arrivare a vedere il ponte a Natale 2019, poi se non sarà possibile collaudarlo, sarà pronto un mese dopo, ma a quella data voglio che il ponte sia pronto”.

“Non so se ci saranno ricorsi, io non credo ma se c’è qualcuno che prova a fermare il ponte avrà 600 genovese, come dire, vicini, io in primo luogo”. Lo ha detto il sindaco di Genova a chi gli ha chiesto se le tempistiche della ricostruzione potrebbero essere rallentati da ricorsi, magari da parte di Autostrade. “Io oggi sorrido – ha affermato – abbiamo finalmente una legge che porterà a Genova oltre 900 milioni, voglio vedere quanti genovesi domani festeggeranno, oggi è una festa”.

leggi anche
  • I commenti
    Il decreto sul Morandi è legge, Bucci: “Genova ora può rialzarsi”, Toti: “Da oggi conto i granelli della clessidra”
  • Finalmente
    Il decreto Genova è legge, il Senato approva con 167 sì. Bagarre in aula per il pugno alzato di Toninelli
  • Il messaggino
    L’approvazione del decreto Genova arriva agli sfollati con un whatsapp di Toninelli
  • La squadra
    Ponte Morandi, ecco i due sub-commissari di Marco Bucci: sono il direttore di Filse e un giudice della Corte dei conti
  • Il team
    Ponte Morandi, ecco la squadra del commissario: fra i venti nomi il presidente dell’ordine degli ingegneri e l’ex commissario della Asl3
  • Specifiche
    Il “nuovo” ponte Morandi dovrà avere tre corsie per senso di marcia ed essere riciclabile
  • Ops
    Ma nell’atto tecnico per il progetto del “nuovo Morandi” sul sito del commissario Est e Ovest sono invertiti