Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Ligorna al secondo ko consecutivo. Sestri: una boccata d’ossigeno risultati

Non basta una partita giocata meglio della Sanremese che vince nel finale. Pareggia la Lavagnese

Turno infrasettimanale per la Serie D che vive di chiaroscuri per le formazioni genovesi. Cade il Ligorna infatti che giocava fra le mura amiche contro l’Unione Sanremo, squadra concorrente per la corsa ai primi posti. Esatto ai primi posti perché i biancoblù a dispetto di due ko consecutivi avrebbero meritato ben altra posizione in classifica rispetto al comunque più che rispettoso quarto posto che occupano alla decima giornata. 

I genovesi giocano non solo alla pari, ma anche meglio dei matuziani che devono ringraziare l’ottimo Scalzi, subentrato a gara in corso, per i tre punti che sanno di beffa visto che giungono al 92°. I sanremesi erano anche andati in vantaggio con una punizione al 47° di Molino, ma da qui in poi è solo Ligorna, con i ponentini che devono necessariamente chiudersi in difesa, ma al 56° Valenti si guadagna un rigore che Chiarabini non sbaglia ristabilendo la parità. Col passare dei minuti la Sanremese si deve chiudere sempre più perché i biancoblù ci credono, ma il tiro di Silvestri si stampa sulla traversa, mentre Chiarabini poco dopo spara fuori clamorosamente da ottima posizione. Finché in pieno recupero il rinvio del portiere Manis diventa un assist per Scalzi che calcia un diagonale preciso al millimetro. Luppi si tuffa, ma sa già che quel tiro finirà in fondo al sacco. E allora tanta frustrazione, ma anche la consapevolezza di esserci con le gambe, la testa e tutto il resto.

Ritrova i tre punti il Sestri e sono punti pesanti perché arrivano contro una diretta concorrente per la permanenza in categoria ovvero quel Borgaro Nobis che al momento langue sul fondo della classifica con un solo punto all’attivo. I Corsari non approcciano al meglio la gara visto che si addormentano sulla punizione che consente a Gueye di portare in vantaggio i piemontesi dopo appena 8’. Il pareggio giunge al 31° grazie a Caboni che trasforma un rigore assegnato per un intervento scomposto di Rosso nella propria area. 

Il Sestri da qui in avanti prende coraggio e controlla il gioco andando a farsi vedere dalle parti di Galante con Mancosu che su punizione chiama l’estremo difensore alle deviazione. All’83° quindi il gol del sorpasso con Pondaco che riceve un controcross dalla fascia controlla e batte l’estremo difensore. Il Borgaro qui crolla psicologicamente e subisce quasi subito il gol che chiude tutto con un contropiede di Mancosu che la mette in diagonale. Passo in avanti importante per i rossoblù che si avvicinano sensibilmente ad acque più tranquille.

Infine la Lavagnese non riesce ad approfittare a pieno del passo falso del Ligorna perché a Borgosesia arriva il secondo 1-1 consecutivo che lascia i bianconeri a -4 dal quarto posto. Contro i granata la squadra di Tabbiani entra bene in gara da subito anche se il primo tiro è di Clausi con Caruso pronto e reattivo. Intorno al quarto d’ora i levantini lamentano un rigore non fischiato su Oneto, mentre la prima nitida occasione è per Fonjock al 24° quando calcia a botta sicura di potenza, ma Sangalli, portiere piemontese, manda out. Ci proveranno anche Casagrande (due volte) e Purro, ma senza fortuna.

Si va alla ripresa con tanta fiducia per i liguri, che però non sono abbastanza concentrati e subiscono la rete di Mitta che irrompe in area su corner e non sbaglia di testa. Dopo un momento di sbandamento, la truppa di Tabbiani si rimette in moto e Basso calcia dalla distanza, ma senza troppa convinzione. Il Borgosesia si chiude, ma è sempre pericoloso in contropiede. Il pareggio, meritato, arriverà a 5’ dalla fine con un incomprensione fra i difensori granata che permette a Basso di prendere palla e battere Sangalli con un tiro di interno che termina alle spalle dell’estremo difensore.

Nel prossimo turno è tempo di derby d’alta classifica fra Lavagnese e Ligorna, una gara che può decidere molto per la stagione di entrambe. Non è da meno la partita che attende i Corsari che giocheranno con il Milano City, squadra appaiata a quella di Celestini in classifica.