Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Lavagnese e Ligorna si annullano nel derby. Sestri “Corsaro” a Milano risultati

Due gol per parte e il pari è servito. Rossoblù che si impongono su una diretta avversaria per la salvezza

Si è tornati a giocare in Serie D in occasione dell’undicesima giornata di campionato e lo si è fatto con il derby genovese fra Lavagnese e Ligorna, due squadre che stanno affrontando bene questa stagione con i biancoblù che in particolare stanno stupendo. Partita frizzante a dispetto dei punti in palio e dell’inevitabile tensione che comporta una (quasi) stracittadina. 

La gara si apre con una discesa di Chiarabini sulla sinistra, palla al limite per Silvestri che di prima intenzione calcia trovando la parata di Caruso. Corsini replica sul fronte opposto al 5° con un tiro a botta sicura che finisce sulla schiena di un genovese. Il gol arriva al 9° con il giovane Romanengo che calcia da oltre 20 metri. Palla che gira all’ultimo e beffa Luppi che devia, ma non evita il gol.

La Lavagnese cerca di sfruttare il buon momento e Corsini sfiora di testa, poi è Bonaventura a scappare sul vertice destro dell’area biancoblù e a calciare teso rasoterra, Luppi è pronto. Quando sembra che la prima frazione si possa avviare alle fine, su una rimessa laterale i centrocampisti bianconeri sono superficiali e perdono palla, sul contropiede Caruso atterra Chiarabini in area. Dal dischetto non sbaglia lo stesso numero dieci e si va al riposo sull’1-1.

Nella ripresa il Ligorna rientra con maggiore fiducia ed è ancora Chiarabini ad essere protagonista con una palla recuperata in difesa e l’avvio del contropiede con la palla per Capannelli che cambia tutto per Valenti il quale controlla a seguire e di sinistro al volo la mette sul palo opposto. Gran gol della punta genovese che completa l’operazione sorpasso. La gara poi rallenta col Ligorna che mantiene il possesso, ma non riescono a chiudere la partita. Ne approfittano i padroni di casa che cercano di rifarsi sotto, ma Di Pietro viene chiuso all’80°. Ha più fortuna Oneto, ex della gara (uno dei tanti), che conclude un’azione rocambolesca che porta il nuovo arrivato Ranieri sulla linea di fondo, palla messa in qualche nodo in mezzo e l’attaccante conclude in diagonale con la complicità di un difensore che non riesce a liberare.

Il Sestri Levante invece impegnato nel capoluogo lombardo contro il Milano City in una gara che sa di spareggio per risalire dalle zone basse. Meglio i milanesi in avvio di partita con Balzano che cerca un tiro che passa a fil di palo. I granata prendono coraggio e i Corsari invece sembrano smarriti, incapaci di imbastire un’azione degna. Infatti quasi sempre il centrocampo milanese blocca le ripartenza liguri. 

Al 21° Mecca serve Lattarulo che tutto solo conclude a botta sicura, ma la difesa rossoblù salva sulla linea. A questo punto i levantini si ridestano e rispondono con nuova linfa. Mancosu ci prova in corsa, ma il portiere Frigione dimostra di esserci e manda out. Poco dopo tocca a Testoni far capire ai granata che l’aria sta girando e con un tiro mancino colpisce la traversa, poi la palla sbatte sulla linea ed esce. L’ultimo lampo è ancora milanese, però con Neto Pereira che va via sulla fascia, serve Santonocito che calcia un rigore in movimento incredibilmente male e sbaglia.

Si va alla ripresa ed è tutta un’altra. Uscirà perché De Bode lisca clamorosamente il pallone nel tentativo di anticipare un sestrini, Croci ringrazia e si invola verso Frigione che viene battuto con un tiro preciso. Il Sestri gestisce bene poi la reazione dei padroni di casa che si affidano spesso a tiri da fermo per cercare di riequilibrare il match. Proprio da una punizione giunge il gol di De Bode che si riscatta parzialmente con un colpo di testa che al 61° riporta tutti sul nulla di fatto. Mister Celestini non demorde e invita i suoi a reagire. Così i Corsari attendono sornioni e puntano tutto sulle ripartenze. Al 73° Cuneo se ne va di gran carriera in fascia serve Pondaco che calcia potente, Frigione respinge malamente con la palla che si alza e ricade stavolta oltre la linea portando nuovamente avanti i liguri. Il Milano City a questo punto riprova a segnare, ma è un muro rossoblù quello che si trova davanti. Unico ed ultimo brivido, la punizione di Balzano che si stampa sul palo, per fortuna di tutti i sestrini.

La vittoria fa anche morale in casa Sestri Levante, e ci vorrà molto ottimismo e fiducia per affrontare la Sanremese che sarà di scena al “Sivori” la prossima settimana. Il Ligorna attende invece proprio il Milano City in una partita apparentemente semplice, ma fra due squadre che vogliono tornare a vincere. Infine trasferta lombarda per la Lavagnese contro la Folgore Caratese, squadra molto complicata.