Finalmente

Il decreto Genova è legge, il Senato approva con 167 sì. Bagarre in aula per il pugno alzato di Toninelli

49 contrari e 53 astensioni. Il provvedimento era passato alla Camera il primo novembre

Genova. A tre mesi e un giorno dal crollo di ponte Morandi il decreto su Genova e altre emergenze è legge. Il testo è stato approvato dal Senato con 167 voti favorevoli, 49 contrari e 53 astensioni. Il provvedimento era passato alla Camera il primo novembre, dopo una seduta notturna.

Bagarre per un pugno alzato in segno di vittoria dal ministro dei Trasporti Danilo Toninelli: l’aula del Senato ha sospeso per qualche minuto la seduta. Poco prima, alcuni senatori del Pd avevano mostrato il fascicolo del provvedimento, con il presidente del Senato Casellati che ha subito chiesto di mettere giù i fascicoli. Le polemiche sono legate alle parti del provvedimento che riguardano i fanghi e il condono per Ischia.

“E’ inaccettabile e indecente quello che ha fatto il ministro Toninelli, che ha alzato il pugno per festeggiare il voto. Non gli chiediamo di condividere o comprendere quello che stiamo dicendo, ma ascolti e dia il buon esempio alle scolaresche che ci stanno guardando”, ha affermato la capogruppo di Forza Italia, Annamaria Bernini, in un durissimo
intervento alla ripresa della seduta, in un clima di scontro aperto.

Più informazioni
leggi anche
  • Ma non è detta l'ultima parola
    Decreto Genova, conversione in legge in dirittura di arrivo. Bucci potrà nominare la sua squadra e iniziare il percorso per abbattere il Morandi
  • I commenti
    Il decreto sul Morandi è legge, Bucci: “Genova ora può rialzarsi”, Toti: “Da oggi conto i granelli della clessidra”
  • L'annuncio
    Ponte Morandi, Bucci: “Ora che il decreto è legge, ricostruzione ad aprile”