Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Il brigantino Nave Italia salpa con a bordo i ragazzi sfollati di Ponte Morandi

Potranno vivere una speciale esperienza in mare grazie alla fondazione Tender to della Marina militare

Genova. Il brigantino della fondazione Tender To Nave Italia onlus, armato con un equipaggio della Marina militare e facente parte degli assetti della Difesa, in questi giorni nel capoluogo ligure in occasione del Festival della scienza, domani, sabato 3 novembre effettuerà un’uscita in mare a favore dei ragazzi sfollati a causa della tragedia del ponte Morandi, invitati dal Comune di Genova a vivere quest’esperienza unica.

“Il Comune di Genova rende concreto il proprio sentimento di vicinanza a questi ragazzi, dedicando loro una giornata di bellezza e divertimento fantastica, proprio su quel mare che è destino della nostra città da sempre”, dice l’assessore Francesca Fassio.


“Il progetto Nave Italia rappresenta un modello unico e vincente di grande impegno e solidarietà civile, in cui la cultura del mare e della navigazione, di cui la Marina militare è custode, diventano strumenti di educazione, formazione, riabilitazione, inclusione sociale e terapia” aggiunge Nicolò Reggio, presidente dello Yacht Club Italiano, che nel 2007 ha dato vita insieme alla Marina nilitare a fondazione Tender to.
 
Fondazione Tender To Nave Italia è una onlus costituita il 10 gennaio 2007 dalla Marina militare e dallo Yacht Club Italiano. La Fondazione promuove la cultura del mare e della navigazione come strumenti di educazione, formazione, riabilitazione, inclusione sociale e terapia. I beneficiari sono associazioni non profit, onlus, scuole, ospedali, servizi sociali, aziende pubbliche o private che promuovano azioni inclusive verso i propri assistiti e le loro famiglie.

La Fondazione Tender To Nave Italia ha a disposizione una nave a vela di 61 metri: Nave Italia, il più grande brigantino a vela del mondo. Dal 2007 Nave Italia ha imbarcato oltre 4000 persone tra passeggeri speciali, operatori e volontari dedicati e ha realizzato 214 progetti.