Chiusura definitiva

Cala il sipario su Rinascente, stasera presidio prima della chiusura

rinascente
Foto d'archivio

Genova. Dopo quasi sessant’anni “cala il sipario” sul grande magazzino La Rinascente di Genova che chiuderà definitivamente il punto vendita di Piccapietra. Una chiusura che è stata decisa dal management aziendale che,  nonostante un aumento sensibile delle vendite nell’ultimo periodo, non ritiene più la piazza genovese interessante. 

Una situazione complessa per i lavoratori del punto vendita genovese. Dei 55 lavoratori, infatti, solo 14 hanno deciso di accettare il trasferimento, 4 hanno rassegnato le dimissioni mentre gli altri 41, che hanno atteso l’evolvere della situazione, resteranno disoccupati. 

“È stato un percorso difficile e doloroso – spiega Silvia Avanzino segretaria della Fisascat Cisl – e ci saremmo risparmiati volentieri le false illusioni di piani B e di competitors che arrivavano in sostituzione”. La sindacalista, infatti, si riferisce e alle promesse delle istituzioni che avevano ventilato l’ipotesi di nuovi investitori pronti a rilevare gli spazi.

Purtroppo, in quest’anno di attesa, nessuno si è fatto avanti per rilevare gli spazi e offrire nuove opportunità di lavoro. Questa sera, quindi, i rappresentanti sindacali, assieme ai lavoratori, si sono dati appuntamento davanti al grande magazzino alle ore 19 per salutare, per l’ultima volta, un simbolo dello shopping genovese 

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Genova24 è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Genova24 di restare un giornale gratuito.