Il reclamo

Bimba figlia di due mamme, Campora: “Non siamo noi a fare le leggi, valuteremo anche ricorso in Cassazione”

Fischi dagli spalti a Tursi. Le famiglie arcobaleno in piazza sabato 1 dicembre: appuntamento alle 15 in piazza della Meridiana

Genova, Fischi dagli spalti della sala rossa di palazzo Tursi nei confronti dell’assessore comunale ai servizi civici Matteo Campora, intervenuto in aula per rispondere a quattro interrogazioni a risposta immediata da parte di altrettanti consiglieri di minoranza rispetto alla decisione del Comune di Genova di presentare reclamo al decreto del Tribunale che ha stabilito la legittimità della registrazione di entrambe le mamme nell’atto di nascita di una bambina genovese.

“Noi non facciamo le leggi, siamo tenuti a rispettarle e gli uffici del Comune, dopo aver sentito il parere dell’avvocatura, ci hanno consigliato prima di negare la richiesta di doppia registrazione e ora di ‘resistere’ facendo reclamo”.

Il riferimento è “all’articolo 5 della legge 40 del 2004 – ha spiegato Campora – che vieta la procreazione assistita alle coppie dello stesso sesso. Per fare una scelta diversa secondo gli uffici e quindi secondo l’amministrazione occorrerebbe una giurisprudenza consolidata o una nuova legge del Parlamento”.

L’assessore ha aggiunto: “Attendiamo il giudizio di appello e poi valuteremo nel caso se fermarci o se fare ricorso in Cassazione”. Dopo la risposta dell’assessore i rappresentanti del coordinamento Liguria Rainbow hanno lasciato la sala rossa ribadendo l’appuntamento fissato per sabato 1 dicembre con una manifestazione “in difesa dei diritti di tutte le famiglie”. L’appuntamento è alle 15 in piazza della Meridiana.