Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Aveva rubato la cassa di una trattoria del centro storico di Genova, individuato e denunciato

Si tratta di un tunisino, irregolare sul territorio italiano

Genova. La polizia locale (reparto giudiziaria) ha individuato, grazie alla collaborazione con la polizia di Stato, il responsabile di un furto del registratore di cassa di una trattoria del centro storico. Il fatto era accaduto lo scorso 10 settembre: la proprietaria della trattoria aveva denunciato il fatto negli uffici del reparto, spiegando agi agenti di aver trovato il registratore di cassa forzato, con la sparizione del cassetto e del denaro contenuto. Tutto era avvenuto durante l’orario di chiusura, ma con la porta di accesso al vano servizi aperta per la consueta opera di pulizia. Gli agenti del reparto hanno acquisito le immagini  di una telecamera posta nelle vicinanze, dove hanno potuto chiaramente notare un uomo entrare e uscire più volte dalla porticina aperta per poi farvi rientro un’ultima volta, uscendone tenendo tra le mani il cassetto del registratore oggetto della sottrazione.

Nel mese di ottobre è arrivata l’identificazione dell’autore del reato, persona già nota alla Autorità giudiziaria per reati predatori e attualmente sottoposto a misure cautelari. L’uomo, un trentenne tunisino, non era reperibile all’ultimo domicilio conosciuto in città, ma grazie alla collaborazione con la polizia di Stato è stato visto e fermato in piazza Fossatello.

Davanti agli agenti ha ammesso le proprie responsabilità, accompagnandoli in via Mura degli Zingari ,nel tratto antistante la Ferrovia dello Stato dove aveva abbandonato il cassetto del registratore di cassa. Il pezzo veniva recuperato e identificato senza ombra di dubbio avendo ancora l’adesivo pubblicitario della trattoria da dove era stato rubato, ed è stato sequestrato come fonte di prova. L’uomo è stato denunciato per il reato di furto aggravato e segnalato all’Autorità giudiziaria per la permanenza illegale sul territorio italiano.