Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Acquario, in arrivo impianto di trigenerazione. Consumi ridotti del 10% e 2 mila tonnellate di CO2 in meno

Genova. Costa Edutainment annuncia la realizzazione di un impianto di trigenerazione per l’Acquario di Genova.

Il trigeneratore produrrà energia elettrica, termica e frigorifera destinata ad adempiere ai fabbisogni della struttura – impianti delle vasche, percorso di visita per il pubblico e parte destinata agli uffici – e sarà alimentato a gas naturale.

Grazie al nuovo impianto e alla maggiore efficienza energetica, i consumi dell’ Acquario di Genova diminuiranno del 10%, con una riduzione annua di 1.852 MWh. La struttura inoltre abbatterà il proprio impatto ambientale rispetto alle fonti energetiche primarie con una minore emissione di CO2 pari a 2.815 tonnellate.

Realizzato da CPL Concordia, azienda vincitrice della gara d’appalto conclusa nel corso della scorsa primavera, l’impianto è progettato da Planex, che ha assunto anche la direzione dei lavori, per un importante investimento complessivo da parte di Costa Edutainment di 2 milioni di Euro.

I lavori di preparazione sono iniziati nel corso dell’estate 2018 con la costruzione degli impalcati necessari a ospitare i componenti principali che proprio in questi giorni sono stati sistemati con l’ausilio di gru sul tetto dell’Acquario. Un’altra parte dell’impianto verrà posizionata in un apposito locale realizzato nella galleria sottostante la struttura.
La conclusione dei lavori è prevista entro fine 2018 con la messa in funzione mentre il collaudo definitivo avverrà a primavera 2019.

Il progetto di realizzazione del nuovo impianto è un esempio concreto dell’impegno diffuso di Costa Edutainment in materia di sostenibilità ambientale e di responsabilità sociale d’impresa.
La conservazione dell’ambiente è uno dei principi guida che da sempre contraddistingue l’operato dell’azienda, leader in Italia nella gestione di strutture pubbliche e private dedicate ad attività ricreative, culturali, didattiche, di studio e di ricerca scientifica con un fatturato di circa 62 milioni di Euro nel 2017, circa 500 dipendenti, 12 strutture gestite e 3 milioni di visitatori.