Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Vento e onde di 10 metri “come in mezzo all’Atlantico”, migliaia di utenze senza corrente elettrica. Toti: “State a casa” fotogallery

Il punto della situazione in protezione civile, traghetti in partenza bloccati in porto a Genova. Un Excellent in attesa di entrare

Genova. Come previsto sia i venti sia il mare sono aumentati, con intensità impressionante e conseguenti danni per strutture e infrastrutture. “La pioggia si sta esaurendo, con una pausa nella mattinata di domani, ma il mare sta facendo danni importanti sulla nostra costa, con una mareggiata che il Liguria non si vedeva dal 2000, se non dagli anni Novanta, e anche il vento sta provocando gravi ripercussioni, tra cui la morte di una donna ad Albisola Marina, per la quale siamo sconcertati”, il presidente della Regione Liguria Giovanni Toti, fa il punto, dopo le 23, dal centro operativo della protezione civile.

Registrati venti record, aumenta il mare. Oltre la metà degli anemometri sta misurando raffiche superiori ai 100 km/h. Non hanno precedenti nei dati costieri i 180 km/h registrati alla Marina di Loano alle 19.40 di oggi.

I dati della boa di capo Mele confermano l’aumento del mare rispetto a questo pomeriggio: 5,74 metri di onda significativa, 10.31 metri di altezza massima e un periodo di picco di 10.9 secondi. Il periodo è l’intervallo fra una cresta è l’altra: più alto è, maggiore è l’energia dell’onda a riva. Sono valori tipici di onde atlantiche, più che mediterranee. “10 metri a capo Mele – spiegano da Arpal – significa che a levante le onde massime hanno raggiunto picchi anche più alti”. Una mareggiata senza precedenti negli ultimi 20 anni che ha portato allagamenti e danni a Rapallo, nel Tigullio, con Santa Margherita e Portofino isolate, ma con problemi anche a ponente, da Arenzano e Cogoleto fino a Pietra Ligure.

I venti potranno attenuarsi lievemente nella notte, e così il mare, ma si manterranno forti e agitati.

“A causa dei fulmini, 22000 utenze sono senza corrente“, ha spiegato Toti. Le scariche elettriche hanno messo in difficoltà anche la circolazione dei treni, con un locomotore che ha preso fuoco a Bogliasco, una centralina saltata a Terralba e una a Sampierdarena.

Porti. “I porti sono in sicurezza – continua il governatore ligure, facendo il punto – container e gru sono in sicurezza, le navi sono tutte attraccate, tranne un traghetto, un Excellent Gnv al largo di Genova che aspetta che il vento possa calare per entrare in porto, l’altro al largo di Vado, ma che non ha passeggeri a bordo. Le partenza dei traghetti sono state bloccate”.

In serata danneggiata la Casa della Salute a Genova Struppa, che domattina resterà chiusa a seguito del crollo di due alberi avvenuto questa sera con la conseguente rottura di alcune vetrate della struttura. Al momento sul posto si trovano i dirigenti di Asl 3 per ridurre i disagi: è atteso l’intervento dei vigili del fuoco, già impegnati in diverse zone della città. Nella mattinata di domani si procederà con il ripristino dei luoghi. L’utenza verrà indirizzata verso le sedi di Asl3 più vicine.