Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Valpolcevera in piazza, il presidente del municipio Romeo: “Siamo stati anche troppo pazienti”

Il municipio, oltre alla riapertura delle strade di sponda, chiede park di interscambio e il prolungamento della metropolitana fino a Rivarolo

Genova. “Lunedì mattina porterò i miei saluti ai miei concittadini della Valpolcevera che fino ad ora sono stati fin troppo pazienti”. Il presidente del municipio Valpolcevera Federico Romeo condivide le ragioni della protesta degli abitanti e dei commercianti. Per questo sarà alla partenza della manifestazione poi tornerà a lavorare: “C’è da lavorare sull’emergenza ma anche su un futuro da costruire” dice.

Per quanto riguarda l’emergenza, le richieste del Municipio in parte quelle che porteranno a Regione e Prefettura gli abitanti di Certosa, Bolzaneto, Rivarolo e tutti coloro che decideranno di scendere in piazza: “Anzitutto chiediamo che vengano aperte le strade di sponda – dice Romeo – perché la Valpolcevera deve tornare ad avere il collegamento con il mare”.

La seconda richiesta, vista la disastrosa situazione del traffico, è l’apertura “rapida” di una serie di parcheggi di interscambio: “Ne abbiamo richiesti diversi, da via Brin-via della Pietra a Certosa, via Pisoni a Rivarolo, l’area ferrovie vicino alla stazione di Bolzaneto, così come a San Quirico e a Pontedecimo”. Ancora per Bolzaneto il municipio chiede che venga presa una decisione rispetto all’ex mercato comunale e soprattutto “che si definisca l’intervento per il prolungamento della metropolitana fino a Rivarolo con le fermate in via Canepari e in via Pisoni. Il finanziamento c’è quindi chiediamo che il prolungamento venga fatto”.

Oggi pomeriggio intanto al teatro Verdi di Sestri si terrà un consiglio municipale congiunto tra i municipi Valpolcevera, Medio Ponente e Ponente da cui uscirà un documento congiunto da presentare a Comune e Regione con le istanze dei quartieri che dal crollo del ponte Morandi vivono le maggiori difficoltà.