Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

San Cipriano a forza 4; rallenta la Sampierdarenese risultati fotogallery

In coda primo punto per il Pieve. Gara epica fra Via dell’Acciaio e Campese che segnano ben 9 reti in totale

Quarto turno in Prima categoria girone C che si evidenzia per due gare ricche di gol su tutte le altre, ma anche per il mezzo passo falso della Sampierdarenese che dopo 3 vittorie viene bloccata dal Borgo Incrociati, che al contrario dopo aver vinto la prima gara sette giorni fa, può considerare lo 0-0 con i lupi una mezza vittoria.

Con i biancorossoneri che vengono fermati dai neopromossi ragazzi di Delfino,  il San Cipriano risponde subito sul campo imponendosi  4-2 sul Nuova Oregina che se la gioca fino a 10’ dal triplice fischio salvo mollare gli ormeggi proprio nel momento decisivo. 

I biancoazzurri infatti trovano il gol per primi con De Camilli su punizione alla mezzora. Nel secondo tempo Bonanno viene servito in area e non sbaglia rimettendo le cose in equilibrio al 64°, ma tre minuti dopo è ancora un tiro da fermo a rivelarsi fatale a Gallino, battuto da Rizqaoui su punizione. La partita si trascina fino all’80° quando Ghiglino con una “zuccata” ribalta il risultato riportando ancora in gara i suoi che poi passano in vantaggio dopo un solo minuto con Fili che sfrutta una dormita clamorosa della difesa ospite. Tensione poi nel finale con il direttore di gara che deve sospendere la gara per ben 15 minuti. Si arriva nel recupero comunque quando un Nuova Oregina sfilacciato si fa colpire ancora da Rossin stavolta che ribatte a rete una corta respinta di Amenduni.

Gol a pioggia anche fra Via dell’Acciaio e Campese con i valligiani che vincono una gara pazzesca e salgono al quarto posto. Il primo tempo è già scoppiettante perché arrivano le reti di Gesù e Codreanu che fanno botta e risposta con la Campese che poi va avanti con Criscuolo su calcio di rigore per fallo di Pittaluga su Piovesan. Non basta perché ancora Gesi salva i suoi e fa 2-2 a pochi minuti dal riposo. 

Nel secondo tempo non cambia la gara che si conferma tambureggiante e ricca di emozioni. In avvio De Vincenzo ribalta ancora la gara per il 3-2 Via Acciaio e quando al 66° Gesi firma la tripletta pare che i padroni di casa possano prendersi la posta piena. Ma qui accade l’incredibile perché Criscuolo prende in mano i suoi e al 76° trasforma il secondo penalty assegnato ai verdiblù. Poi sfrutta un erroraccio difensivo dei locali tre minuti dopo e insacca il pari. Ma quando al 90° calcia dal limite e Pittaluga non ci arriva, esplode di gioia  la panchina campese che così si aggiudica una partita davvero incredibile.

Davanti ai campesi la Ruentes mantiene il terzo posto anche se con la Vecchiaudace Campomorone ci si aspettava di più. Invece i valligiani passano alla prima azione dopo un solo minuto con l’intervento su corner di Casanova che batte Bacigalupo. Al 33° Micheletta ristabilisce la parità che si conserverà fino al 90°.

Rallenta anche lo Sciarborasca che anzi rischia grosso in casa con il Bogliasco che passa al 66° con un calcio di punizione di Crosetti nonostante i biancorossi fossero in dieci uomini dal 40° per il rosso ad Orecchia. Il pari arriva dalla panchina con Galasso che firma l’1-1 per i gialloblù che comunque vengono superati dalla Campese.

Importante pari anche fra Calvarese e Pieve, un risultato utile soprattutto agli ospiti che si illudono con Ascione al 33°, ma vengono riacciuffati nel secondo tempo da Monteverde. Un punto che comunque muove la classifica dei pievesi che erano ancora fermi a 0.

Vincono anche Caperanese e Vecchio Castagna. I chiavaresi ringraziano Levaggi che sigla il gol partita al 68° sul campo del San Bernardino, colpendo anche un palo nel finale; i gialloblù invece ridimensiona il Prato, reduce dalla prima vittoria di settimana scorsa. Primo tempo più bloccato che regala come emozione il gol di Goglia al 23° che manda in vantaggio i padroni di casa. Nel secondo tempo Tabiolati la rimette in sesto per i rossoneri ad un quarto d’ora dal termine, ma il Vecchio Castagna reagisce e nel finale costringe gli avversari a difendersi, finché all’87° Bojang trova il varco per il gol del 2-1. Poco dopo arriverà anche la rete di Goglia che firma così la doppietta personale chiudendo la gara sul 3-1.