Quantcast
Sentenza

Lagaccio, aveva ucciso la vicina e nascosto il corpo sotto il letto: condannato all’ergastolo

L'omicida, un 34enne tossicodipendente, aveva provato a recuperare soldi per acquistare la droga

Sedi istituzionali e palazzi e piazze simbolo della città

Genova. Aveva ucciso la vicina di casa, una donna anziana, dopo averla attirata nel suo appartamento con una scusa. E poi aveva nascosto per tre giorni il cadavere sotto il letto. Ad accorgersi che c’era qualcosa di strano era stata la madre di Pierluigi Bonfiglio, 34 anni, condannato oggi all’ergastolo dal gup del tribunale di Genova.

Il giudice per l’udienza preliminare lo ha condannato con rito abbreviato per avere ucciso Anna Carla Arecco. I fatti erano accaduti nel quartiere del Lagaccio. Bonfiglio, difeso dall’avvocato Alessandro Sola e Nicola Scodnik, è accusato di omicidio volontario aggravato.

L’uomo, tossicodipendente, avrebbe ucciso la pensionata per cercare denaro in modo da comprarsi della droga. Dopo averla uccisa le avrebbe sottratto 40 euro e tre anelli. Bonfiglio si era poi inventato un fantomatico pusher la cui presenza in casa però non era mai stata riscontrata.

Più informazioni
leggi anche
  • Era il 2017
    Uccise la vicina di casa e nascose per giorni il corpo sotto il letto: confermato l’ergastolo
    omicidio lagaccio