Ah beh

Gli ultimi emendamenti di maggioranza al decreto Genova? Sono su fanghi depurazione e smaltimento pneumatici

C'è ancora tempo fino alle 19 di oggi per presentare subemendamenti

Sfollati ponte Morandi, le operazioni di recupero dei beni nelle abitazioni

Genova. Sono due gli emendamenti ‘aggiuntivi’ al decreto Genova proposti dai relatori del provvedimento e depositati nella serata di ieri. Riguardano la gestione dei fanghi di depurazione e lo smaltimento dei pneumatici fuori uso. Contrariamente a quanto annunciato ieri, non c’è un emendamento per dare maggiori risorse al trasporto pubblico genovese perché, come ha chiarito il relatore Gianluca Rospi del Movimento 5 Stelle, si sta pensando a una riformulazione dell’articolo 5 del decreto, senza presentare un emendamento ad hoc. “L’obiettivo è comunque di garantire risorse aggiuntive”, ha assicurato Rospi.

In particolare, il primo emendamento proposto dai relatori riguarda l’articolo 41: in sostanza aggiunge e specifica i tipi di idrocarburi esclusi e quali sono i limiti che si applicano. Il secondo introdurrebbe un articolo 41 bis per la gestione delle giacenze straordinarie di pneumatici fuori uso “presenti sul territorio nazionale a partire dal primo gennaio 2019”.

Sul fatto che l’emendamento riguardi l’Italia e non solo Genova, si è scagliato Giorgio Mulè, deputato di Forza Italia: “Ma cosa diavolo c’entrano in un decreto che dovrebbe dare risposte a Genova?”, ha commentato. Il tempo per presentare subemendamenti è stato aggiornato alle 19 di oggi.

Più informazioni
leggi anche
Parcheggio interscambio brin morandi bucci
Metafora formato famiglia
Ponte Morandi, la sfida degli indennizzi tra zona rossa e arancione. Bucci: “I genovesi non sono fratelli che litigano per il cibo”