Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

“Difendiamo i nostri diritti contro odio e intolleranza”, in un video il ‘manifesto politico’ del corteo antirazzista di domenica

Sono 43 le associazioni che hanno aderito alla manifestazione

Più informazioni su

Genova. “L’attacco ai migranti è solo l’inizio di un disegno politico che rischia di mettere in discussione diritti e libertà non solo nostri ma di tutta la comunità in cui viviamo oltre a distogliere l’attenzione dalle problematiche reali. Lo sappiamo bene in questa città dove è stata promossa un’idea di sicurezza come protezione dai poveri e dai migranti e dove poi siamo finiti a morire cadendo dai ponti”. Le parole di un ragazzo immigrato che chiudono il video creato per lanciare la partecipazione al corteo antirazzista organizzato per domenica pomeriggio dal Clici, coordinamento ligure cittadini immigrati, ben riassumono le preoccupazioni dei ragazzi di origine straniera ma che molto spesso sono nati e cresciuti a Genova di fronte a quella che è una crescente onda di odio e di intolleranza verso gli immigrati.

torrente sturla vegetazione e vipera

Come Genova24 ha spiegato in questo articolo, il Clici è nato a fine luglio con l’obiettivo di dotare gli stranieri di una sorta di rappresentanza diretta con cui confrontarsi con le istituzioni e la manifestazione di domenica a cui hanno aderito 43 associazioni, vuole essere solo il primo step.

“Stiamo parlando di cittadini che spesso contribuiscono alla crescita economica e culturale del paese, ma ormai sono vissuti come disagio” racconta nel video Simohamed Kaabour, uno dei fondatori dell’associazione. “Siamo spesso sulla bocca di molti politici ma non abbiamo una rappresentanza reale. Di immigrazione e di immigrati parlano tutti ma non c’è un confronto”. E una ragazza sorridente e decisa aggiunge: “siamo i primi che devono difendere i nostri diritti. Se non lo facciamo noi chi lo fa?”.

Il corteo si muoverà dalla stazione Marittima con partenza alle 14.30 fino a piazza Ferrari.

Ecco l’elenco aggiornato delle associazioni che hanno aderito alla manifestazione: “Mabota” A. S. A. Onlus, Afroconnessioni, ALGEBAR, Angolani di Genova, Arci Gay Genova, Arci Genova, Arci Solidarietà, Arci Solidarietà, Ass. Ambulatori Internazionale Città Aperta, Associazione Amici della Tanzania, Associazione Camrol (Camerunensi di Roma e Lazio), Associazione di solidarietà Italo-Etiope-Eritrea, Associazione Il tè delle Donne, Associazione Luanda, Associazione Nuovi Profili, Associazione Senza Paura, Associazione Shamra Shamra, Associazione Unione immigrati Senegalesi, Associazione Usciamo dal silenzio, Associazione Zebra per il Burkina, AUT AUT 357, C.S.O.A Zapata, Circolo Chico Mendes Sampierdarena, Circolo Foresti de Vena – Italia Cuba, CoCIMa- cordinamento Cittadini ItaloMarocchini, Collettivo Genova City Strike, Comitato Casa del Migrante Ecuadoriano, Comitato per l’accoglienza migranti Multedo, Comunità S. Benedetto al porto, CoNNGI – Coordinamento Nazionale Nuove Generazioni Italiane, Coordinamento Ligure Donne Latinoamericane, Coordinamento Liguria Rainbow, CSA La Talpa e L’orologio, Gdl Espanol Biblioteca Berio, Genova Antifascista, Geologia Senza Frontiere, Gotto Rosso Rapallo, Gruppo Teatrale Arguedas, Il Limone Lunare, Itineranti, La Murga Inexenda, La Resistente – Atleti Socialisti, Left Lab, LiberaLaMente, LSOA Buridda, Neri Italiani – Black Italians, Non Una di meno Genova, Ora in silenzio per la pace, Osservatorio Sguardo sul mondo APS, Partito della Rifondazione Comunista, Potere al Popolo Genova, Potere al Popolo Imperia, Savona antifascista, Sezione Genovese della Conferenza Mondiale delle Religioni, Spa Politiche di Donna, Viva Cuba e Yeast Genova.