Progetto

Bambini, Comune di Genova apre il bando per le Baby Box. Sono 4 mila in nuovi genovesi attesi per il 2019

Quattro gemelli al Gaslini

Genova. Un scatola con dentro alcuni oggetti per far fronte alle prime necessità sopraggiunte con il “nuovo arrivato”. Questa è l’idea del Comune di Genova, che attraverso l’Agenzia per la famiglia, ha aperto un bando per dare vita al progetto.

Quella della baby box è un’idea già uso in molti altri paesi: lo stato, come forma di aiuto, recapita al bimbo appena nato gli strumenti per affrontare le prime settimane di vita: vestiti, pannolini, ciucco, prodotti per l’igiene personale, anche della madre. Un modo per dare il benvenuto e al contempo sostenere la famiglia, grande o piccola che sia.

Su questo esempio anche il Comune di Genova prova a muoversi, mettendo a disposizione il suo data base di nascituri, per l’azienda che risponderà al bando, e che predisporrà il kit per neonati, brandizzato Comune di Genova.

All’interno della scatola ci dovranno essere pannolini bio-degradabili, ciucci, biberon e altro, memtre l’azienda potrà inserire buoni acquisto a piacimento. Il bando si chiude il 31 ottobre: se per il 2016 furono 3600 i nuovi piccoli genovesi residente nati, per il 2019 la speranza è quella di arrivare a 4 mila, che sono quindi il numero di “pezzi” della Baby Box.