Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Autostrade invia al sindaco-commissario Bucci il progetto per la ricostruzione del ponte in 9 mesi

Ma resta, come una spada di Damocle, il rischio di ricorsi sul decreto Genova per quanto riguarda revoca delle concessioni ed esclusione dalla gare

Più informazioni su

Genova. L’annuncio porta la data di giovedì scorso, ma al sindaco e commissario straordinario Marco Bucci, il progetto di ricostruzione di ponte Morandi da parte di Autostrade per l’Italia è arrivato solo ieri sera. Composto da 40 elaborati tecnici e strutturali, accompagnati da una relazione generale, prevede l’opzione più breve, di soli 9 mesi per la ricostruzione a partire dall’ok al progetto, considerando anche l’adozione di penali sulle tempistiche.

Nella mail con il progetto, la società ricorda la disponibilità a sviluppare nel dettaglio anche le altre opzioni. Tutto dipende dall’utilizzo o meno di microcariche esplosive per abbattere i monconi e dal numero di edifici e strutture che saranno “salvate” nella demolizione.

“Autostrade, si legge in una nota della società, ritiene che la presentazione di tale soluzione progettuale e operativa sia doverosa e legittima e la più efficace per ripristinare in tempi certi e rapidi la tratta autostradale Genova Aeroporto-Genova Ovest, auspicando (ovviamente salva la tutela delle sue ragioni) che possa essere positivamente valutata dal commissario straordinario e dalle istituzioni”.

Una mossa che, di fatto, è un atto dovuto, fino a che, almeno, non sarà ufficiale la revoca della concessione e l’esclusione di Autostrade dalla partita della ricostruzione – con la conversione del decreto Genova in legge – ma che lascia intendere come Aspi sia tuttora impegnata a rientrare in gioco. Ieri, sulla possibilità di ricorsi al decreto Genova, Marco Bucci aveva messo in allerta il governo: “Bisogna che ci creiamo una buona corazza, se ci fossero ritardi dovuti ai ricorsi per i genovesi sarebbe un pessimo segnale”.