Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Arresto Domenico Lucano, il presidio per il caso Riace: “L’umanità non si arresta” foto

Più informazioni su

Genova. Circa un centinaio di persone ha sfidato la pioggia per manifestare sotto la prefettura contro l’arresto del sindaco di Riace, Domenico Lucano, dal 2 ottobre agli arresti domiciliari.

Anche a Genova, in concomitanza con la manifestazione nazionale, si è tenuto il presidio di solidarietà per “l’uomo il cui modello di accoglienza dei migranti è stato spesso raccontato nel mondo come un’eccezione positiva in Italia”, come scritto nel comunicato stampa diffuso dagli organizzatori.

“Difendere Riace, oggi, significa dare un segnale di coraggio e sostegno a chi è impegnato in prima persona per contrastare la deriva in cui il nostro paese sta ormai scivolando – scrivono – Riace era, è e sarà un esempio meraviglioso”.

La manifestazione, organizzata da Left Lab ha avute molte le adesioni, tra cui Comunità San Benedetto al Porto, Arci Genova, Associazione Pas à Pas, Il Ce.sto Genova Giardini Luzzati,Suq Genova, Liguria Possibile, ANPI Genova, Gruppo Consiliare Rete a Sinistra/LiberaMente Liguria, Diem25 Genova1 dsc, Arcigay Genova, Genova che osa, SENZA PAURA – RESTIAMO UMANI, Libera Liguria, Associazione Antirazzista Interetnica “3 febbraio”, Cgil Genova, Giuristi Democratici, Associazione Resistenti di Piazza Pittaluga, Amnesty Liguria, Massoero 2000, Scuola Daneo, I pacifisti e le pacifiste dell’ora in silenzio per la pace, Agesci Genova 5. Lo slogan della giornata è stato uno e forte: “L’umanità non si arresta”.