Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Airbnb, l’assessore comunale al Turismo al convegno di Rimini per raccontare il modello Genova

Paola Bordilli: "Il nostro Comune è stato il primo in Italia a confrontarsi con il portale di affitti turistici più importante al mondo"

Più informazioni su

Genova. Mercoledì 24 ottobre alle ore 11, l’assessore al Turismo e commercio Paola Bordilli interverrà alla conferenza “Airbnb e le opportunità per Comuni: il caso dell’imposta di soggiorno” che Airbnb – portale online che mette in contatto persone in cerca di un alloggio per brevi periodi con persone che dispongono di uno spazio extra da affittare – organizza nella Sala Conai della Fiera di Rimini in occasione della trentacinquesima assemblea nazionale di Anci.

L’appuntamento mette a confronto le istituzioni che, dialogando con Airbnb in merito alle tematiche di governance locale, semplificazione e innovazione amministrativa, hanno seguito un percorso che, negli ultimi due anni, è culminato nella stipula di accordi di riscossione dell’imposta di soggiorno.

«Sotto l’aspetto della gestione dell’imposta di soggiorno, il protocollo d’intesa vigente con Airbnb consente alla nostra città di stare al fianco di capitali europee del turismo come Parigi, Lisbona ed Amsterdam e fra le eccellenze del nostro Paese come Milano, Torino e Firenze – dichiara l’assessore Paola Bordilli -. Il Comune di Genova è stato il primo in Italia a confrontarsi con il portale di affitti turistici più importante al mondo. Oltre che per la certezza delle risorse ricavate dall’imposta di soggiorno, il nostro dialogo continua per monitorare il numero degli Host presenti all’interno del Comune, per fare emergere chi ancora opera fuori dal rispetto delle norme vigenti e per confrontare i dati e le provenienze delle presenze negli appartamenti affittati tramite Airbnb e le strutture ricettive classificate. Tutte queste azioni ci permettono di conoscere maggiormente i nostri turisti, valutare nel modo più preciso e puntuale possibile l’impatto reale degli eventi che organizziamo in città, e programmare meglio le promozioni future».