Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Seconda Girone C: tante vittorie esterne. Il Bavari esordisce col botto risultati

I neopromossi calano un tris importante al San Giovanni Battista. Bene anche Begato e Gol Academy

Si parte anche in Seconda categoria che vede, nel girone C 14 squadre impegnate nella corsa per provare a salire in Prima. Ottimo inizio per il Bavari che esordisce con una bella vittoria esterna a Sestri Ponente contro il San Giovanni Battista. Primo tempo equilibrato con le squadre che non rischiano e si avviano al riposo a reti inviolate. Un guizzo di Colubri, però cambia gli equilibri: bello il pallonetto che scavalca Checcucci e sblocca il parziale. 

Partita che si chiude in avvio di ripresa che il Bavari approccia alla grande. Al 55° San Lucas prende palla e con un delicato tocco sotto beffa ancora il portiere locale. Tre minuti dopo ed è già tempo di festa, almeno virtuale, per il Bavari che sfrutta una buco nella retroguardia del San Giovanni e Selogni scappa via pesca Barretta tutto solo in area che da due passi non può sbagliare e cala il tris. La gara non cambia più anche se si registra un brutto infortunio per Cevasco che subisce un colpo a un rene e deve essere portato via dall’ambulanza.

Inizio buono anche per la Golacademy che supera il Ravecca a domicilio. Primo tempo di marca gialloblù che prendono in mano il pallino del gioco e sfiorano subito il gol con Iencinella, ma il suo tiro si infrange sul palo. Al 29° il meritato vantaggio lo firma Orellana che prende palla al limite e la mette angolata colpendo il palo interno per poi entrare. La Golacademy sfrutta il momento buono e raddoppia quattro minuti dopo con una bella azione personale di Faraò che salta due avversari e la piazza alle spalle di Giarratana. 

Nel secondo tempo Dassereto la riapre al 50°, ma i biancorossi non riescono a rimontare e la gara si chiude 1-2.

Vittoria esterna pure per il Begato a Voltri. La gara si sviluppa nel secondo tempo dopo una prima frazione a reti bianche. Il Begato decide la gara in meno di cinque minuti con Mascia che si improvvisa bomber ricevendo palla in area e insaccandola per lo 0-1. Passano tre minuti e Di Clemente è rapace nel ribadire in rete una conclusione dal limite respinta dal portiere.

Derby fra “atletici” quello fra il Progetto Atletico e l’Atletico Genova. La gara come tante altre all’esordio inizia lenta, anche se dopo 3’ Riggi spreca una palla in area piccola spedendola alta. Un errore che l’Atletico pagherà caro così come il palo colpito da Bocchiardi nella ripresa. Già perché i padroni di casa dopo avere creato molto poco ed essersi salvati ripetutamente, trovano la zampata che vale oro con Arrache che interviene in area e la mette alle spalle di Fiore. Cinico il Progetto Atletico che porta via l’intera posta col minimo sforzo.

Si dividono i punti in palio la Pro Pontedecimo ed il Fegino con i granata che approcciano sicuramente meglio alla gara restando a lungo nella metà campo avversaria. Da registrare il tiro al volo di Pasti che si spegne sull’esterno della rete e poi ancora un tiro dell’attaccante granata che viene deviato sul palo da Dellepiane. Si tratta del preludio del gol che porta meritatamente in vantaggio i granata. Bettinelli va via in fascia e la mette al centro dove Bui è puntuale nella deviazione vincente.

Il Fegino si rianima nel secondo tempo sfiorando il gol con Sadiqi che viene murato da Pelizza. Ci prova anche Velonà, appena entrato, che di testa manda fuori di un soffio. Al 63° infine il pareggio che porta la firma di Lamonica il quale arriva al limite e lascia partire una staffilata che si infila nell’angolino. Finisce 1-1 con un pareggio che pare giusto.

Nella giornata di sabato invece era andato in onda l’anticipo con il derby fra Crocefieschi e Montoggio. Anche in questo caso sono gli ospiti a portarsi via la posta in palio. Vantaggio firmato al 28° da Rebottaro che fa tutto da solo e lo fa benissimo concludendo nell’angolino opposto. In avvio di ripresa arriva anche il raddoppio ancora firmato da un ispiratissimo Rebottaro che stavolta è rapace nell’anticipare tutti su un cross rasoterra che gira in porta. Due minuti dopo il Crocefieschi riapre la gara con l’incornata di Traverso che infila Vagge, ma non basta perché i biancoblù tengono botta e conservano il vantaggio.

Nessuna rete e poco spettacolo infine fra Zena e Borgoratti che chiudono dividendosi la posta in palio.