Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Crollo ponte Morandi, il procuratore: “Escludiamo fatalità, si indaga su costruzione e manutenzione”

Il fascicolo ancora contro ignoti. Procura sta dando via libera per esequie, niente autopsia

Più informazioni su

Genova. Nessuna autopsia sui corpi delle vittime. In queste ore mentre i vigili del fuoco proseguono i soccorsi, i sostituti procuratori Walter Cotugno e Massimo Terrile “stanno rilasciano i nulla osta per i seppellimenti e le esequie, dopo un’attività di medicina legale di esame delle salme” ha spiegato il procuratore capo Francesco Cozzi uscendo da un vertice in Prefettura.

“Purtroppo temiamo che oltre alle 42 vittime di cui si parla ce ne siano altre”. Il fascicolo aperto in procura per disastro colposo e omicidio colposo plurimo è al momento ancora contro ignoti: “Non anticipiamo i tempi – ha detto il procuratore a chi ha chiesto se c’erano iscrizioni nel registro degli indagati – ora è importante capire perché è successo e se ci sono state delle cause scatenanti su qualcosa che c’era già”.

“Quello che ci sentiamo di escludere – ha detto con fermezza il procuratore – è qualsiasi tipo di accidentalità perché si tratta di un’opera umana. Per questo gli investigatori dovranno analizzare sia la costruzione sia manutenzione”.