Novità

Amt-Atp-Ferrovia Genova Casella, l’abbonamento integrato è realtà

I nuovi abbonamenti, a prezzi vantaggiosi rispetto alle tariffe precedenti, saranno in vendita dal primo di settembre

Genova. Da tempo i passeggeri che abitano fuori Genova (o chi abita a Genova e lavora in un Comune della Città Metropolitana) avevano chiesto questa possibilità. L’ormai strettissima collaborazione tra le due aziende lo ha reso possibile. Viaggiare sul territorio dell’area metropolitana genovese sarà più facile e vantaggioso. Partono il 1° settembre i nuovi abbonamenti integrati Amt – Atp mensili e annuali. Le due aziende hanno siglato un accordo, sostenuto da Comune di Genova e Città Metropolitana, che prevede per i clienti del trasporto pubblico la possibilità di sottoscrivere un abbonamento mensile da 70 euro o un abbonamento annuale da 650 euro, entrambi validi sulle reti Amt (escluso Volabus che mantiene le attuali tariffe commerciali), Atp (escluso Airport Shuttle) e Ferrovia Genova Casella.

I nuovi titoli di viaggio permetteranno ai clienti del trasporto pubblico di potersi muovere con un unico abbonamento su tutto il territorio provinciale di Genova, potendo salire e scendere a ogni fermata della rete e passare da un mezzo extraurbano a uno urbano, e viceversa, con più facilità e maggiori risparmi.

Nel caso dell’abbonamento annuale si tratta di una novità assoluta: fino a ieri chi voleva abbonarsi ad Amt e Atp doveva spendere 845 euro (395 euro di annuale Amt e 450 euro di Atp) che arrivavano a 970 euro con l’aggiunta della Ferrovia Genova Casella (520 euro di annuale Amt/Fgc e 450 euro di Atp), oggi invece l’abbonato ai tre servizi spenderà in totale 650 euro, con un risparmio di 320 euro.

Per l’abbonamento mensile esiste già una tariffa per pendolari che integra Amt e Atp a un costo di 94 euro, nella nuova versione il mensile integra Amt, Atp e Fgc e scende a 70 euro.

I nuovi abbonamenti saranno in vendita a partire dal 1° settembre con le seguenti modalità:

l’abbonamento mensile sarà acquistabile presso i punti vendita di Atp;
l’abbonamento annuale si potrà comprare nelle biglietterie Amt con l’utilizzo della card “City Pass Amt” e online sul sito di Amt.

“Comune e Città metropolitana hanno fortemente voluto questa integrazione tariffaria che rende ancora più competitiva la scelta del trasporto pubblico – commenta così la novità Stefano Balleari, vicesindaco e assessore alla Mobilità – crediamo sia un segnale forte per rispondere sempre meglio alle esigenze di mobilità dei cittadini dell’area metropolitana. La decisione assume poi un significato ancora più rilevante in considerazione delle particolari condizioni di viabilità e traffico che si sono create a seguito del crollo di ponte Morandi e al ruolo che il sistema di trasporto pubblico è chiamato a svolgere in questo contesto. Dobbiamo dare delle risposte veloci e concrete per andare incontro alle esigenze dei cittadini, questo è un ulteriore tassello di una mobilità pubblica capace di mettersi al servizio delle persone e dei territori”.

Il consigliere delegato ai trasporti della Città metropolitana, Claudio Garbarino, che ha condiviso con Stefano Balleari questa scelta, ribadisce “l’importanza dell’accordo tra le aziende Amt e Atp e delle amministrazioni coinvolte su un intervento che soddisfa le esigenze di molti cittadini dell’area metropolitana. Migliorare il servizio e renderlo più economico: è questa la strada che vogliamo continuare a percorrere”.

“Questa integrazione va nell’ottica di una sempre maggiore sinergia tra le due aziende e i diversi sistemi di trasporto pubblico dell’area metropolitana – sottolinea Marco Beltrami, amministratore unico di Amt – è un accordo che punta a incrementare e a rendere sempre più attrattivo il trasporto pubblico come alternativa al mezzo privato, per fidelizzare i clienti abituali e per attrarne di nuovi”.

“Non possiamo più prescindere da un approccio sinergico delle politiche tariffarie e di trasporto delle nostre due aziende, la vivibilità e l’attrattività turistica di un territorio morfologicamente difficile come il nostro dipende in maniera significativa dalla qualità dei servizi di trasporto locale offerti” – dichiara Enzo Sivori, presidente di Atp Esercizio.