Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Accise sulla benzina finanziano ripristino viabilità danneggiata dalle alluvioni: la Regione stanzia 1,6 milioni

Per la provincia di Genova sono state previsti 243 mila euro

Genova. Stanziati oggi dalla giunta regionale 1,6 milioni di euro per la viabilità di tutta la regione danneggiata dagli ultimi eventi alluvionali che si sono succeduti dal 2014 al 2017. Lo comunica l’assessore regionale alle Infrastrutture e difesa del suolo Giacomo Giampedrone.

Le risorse derivano dalle accise sulla benzina e saranno utilizzate per il ripristino della viabilità danneggiata da esondazioni e movimenti franosi.

In particolare, sul totale delle risorse stanziate, sono stati assegnati 243 mila euro alla provincia di Genova; 420 mila euro alla provincia di Imperia; 500 mila alla provincia di Savona; 415 mila euro alla provincia della Spezia.

Gli interventi previsti in provincia di Genova sono i seguenti: il rifacimento della strada provinciale 22 di Tribogna al km 4+150; il rifacimento della strada provinciale 37 di Semovigo nel Comune di Mezzanego; il consolidamento della strada provinciale 9 di Crocefieschi al km 3+300  nel Comune di Busalla; il rifacimento  e il ripristino della SP 62 nel Comune di Torriglia; il rifacimento della SP 79 nel Comune di Rossiglione; il rifacimento della SP 58 della Crocetta dal km 6+000 al km 13+000 nel Comune di Coreglia Ligure e Rapallo.

“Il territorio ligure è stato interessato, negli anni, da eccezionali eventi alluvionali che hanno causato molti danni e grandi disagi ai cittadini che ancora si protraggono ad oggi – sottolinea l’assessore regionale alla Difesa del suolo e protezione civile Giacomo Giampedrone – ancora una volta Regione Liguria sta dando risposte concrete alla carenza di risorse per ripristinare quelle ferite che sono ancora aperte dagli eventi del 2014. Si tratta di stanziamenti importanti a favore delle province e di città metropolitana di Genova che riusciranno a sanare ferite rimaste aperte lungo tutto l’arco regionale”.