La proposta

Valpolcevera, la proposta del Pd: “La casa della salute nell’ex centro di formazione professionale di Bolzaneto”

Dopo proposte, promesse e nessun progetto concreto il gruppo consiliare in municipio, sopportato dalla giunta, propone di utilizzare il dismesso edificio di proprietà della città metropolitana

Genova. Tutto fermo sulla Casa della Salute della Valpolcera: tante proposte, altrettante promesse e a distanza di anni nessun progetto per un quartiere già gravato da molte servitù e che chiede da tempo più servizi.

Nel silenzio istituzionale della Casa della salute si è ritornati a parlare in Municipio nell’ultima seduta. “Tutte le ipotesi avanzate fino ad oggi sono state abbandonate – spiega il gruppo consiliare del pd in municipio – dall’area ex Miralanza, all’area ex Houghton, all’Ospedale Pastorino di Bolzaneto infine”.

Lo scorso mercoledì 27 giugno, il Consiglio Municipale ha approvato ad ampia maggioranza, con emendamenti integrativi delle liste “Crivello” e “Chiamami Genova” e voti contrari della Lega, una mozione del PD in tal senso. Ed ha anche individuato, nell’ex Istituto professionale “Luciano Trucco” di Bolzaneto, il sito che potrebbe accogliere la struttura. “Si tratta di uno spazio pubblico, di proprietà della Città metropolitana e che attualmente risulta semi inutilizzato, con una superficie di oltre 3mila metri quadrati – spiegano i consiglieri del Pd – facilmente riconvertibile. È baricentrico, agevolmente accessibile, in quanto ubicato nei pressi del casello autostradale, della stazione ferroviaria e delle fermate del bus, con due aree parcheggio limitrofe in Via Bruzzo, una di queste inaugurata recentemente grazie all’impegno del Municipio”.

Il gruppo consiliare del Pd tramite il presidente Romeo e la giunta municipale, avanza quindi la proposta agli enti coinvolti (Comune, Regione, Asl 3 e Città Metropolitana), auspicando l’apertura di un tavolo di confronto che preveda l’impegno di Regione e Asl 3 ad attivarsi per uno studio di fattibilità.

La richiesta è anche quella di tenere un consiglio municipale monotematico con la partecipazione dell’assessore regionale alla Salute Sonia Viale e dell’assessore comunale Francesca Fassio e i rappresentanti della Asl. Altre iniziative saranno portate avanti in Regione e Comune.

Più informazioni