Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Rapallo sul tetto d’Italia: sconfitta Bogliasco in finale

Le ruentine conquistano il titolo italiano under 19 davanti al proprio pubblico, con una partita perfetta nel derby conclusivo della Final Eight

Lo aveva detto Luca Antonucci, tecnico del Rapallo Pallanuoto femminile Under 19 che vincere davanti al proprio pubblico sarebbe stata un’occasione unica e le sue ragazze hanno risposto presente vincendo il derby finale con le ottime rivali del Bogliasco Bene che, però hanno dovuto arrendersi di fronte ad una gara quasi perfetta delle gialloblù nella finalissima nazionale.

4-11 è il punteggio finale frutto soprattutto di un approccio devastante alla gara delle ruentine che piazzano un 1-4 importante che indirizza in modo netto la gara. Nel secondo quarto le rapallesi hanno incrementato il vantaggio andando al riposo lungo sul 2-6 e ipotecando seriamente la vittoria. Bene poi la tenuta al rientro in vasca quando effettivamente Bogliasco si gioca il tutto per tutto e prova a sfruttare il momento di recupero delle avversarie, ma non riescono a rientrare nel punteggio e anzi nell’ultimo quarto arriva uno 0-3 che certifica la superiorità delle rapallesi.

“Sono molto felice – commenta Luca Antonucci – questo successo è frutto di un grande lavoro della società che lo scorso anno ha portato a conquistare podio in tutte e tre le finali dei campionati giovanili e quest’anno ha portato il terzo posto della prima squadra alla Final Six di A1, il bronzo Under 17 e, ora, questo splendido titolo italiano under 19 in attesa delle finali under 15. L’obiettivo è portare nuovamente sul podio tutte e tre le formazioni giovanili. Faccio i complimenti a tutte le ragazze, questa vittoria è frutto di impegno e fatica e sono contento per loro». 

Una stagione quasi perfetta quindi per la società gialloblù, mentre le bogliaschine, nonostante una sconfitta comunque chiara, possono gioire per un secondo posto meritato e arrivato al termine di una bella cavalcata. Dalla loro c’è sicuramente l’età, perché la squadra di Mario Sinatra era composta da diverse atlete sottoleva. 

Complimenti alle ragazze del Rapallo per questa bella vittoria – dichiara Sinatra a fine gara – Gli stessi complimenti li faccio alle mie di ragazze. Abbiamo fatto un percorso straordinario che ci ha portato al massimo che potessimo ambire. Con questo stesso gruppo negli ultimi due anni, a livello di Under 17, avevamo ottenuto due quinti posti, ora pur salendo di categoria, ma restando sotto leva abbiamo fatto decisamente meglio, segno che la strada intrapresa da qualche anno è quello giusta. Su questa falsa riga rientra anche la scelta di lasciare fuori Agnese Cocchiere da questa squadra. L’ho fatto per pure motivazioni tecniche e non per un altro tipo di ragionamento. Volevo dare fiducia al gruppo delle 2000 per farle crescere e gettare le basi del loro futuro. Le risposte che ho ottenuto sono state ottime. Questo risultato rappresenta per noi l’inizio di un nuovo percorso. Desidero ringraziare chi, a partire dal presidente Prandini, dai dirigenti accompagnatori Armando Santinelli e Gianluca Mauceri, passando per Rosa Rogondino, Marco ‘Pachito’ Sbolgi e la Sori Beach Waterpolo mi ha aiutato durante tutto l’anno a raggiungere questo ennesimo grande obiettivo”.

Soddisfazioni anche a livello individuale per Nicole Zanetta, capitano del Rapallo che è stata eletta miglior giocatrice della Final Eight, mentre Sofia Giustini ha conquistato il titolo di miglior marcatrice con 24 reti. Infine da segnalare il terzo posto nazionale della Rari Nantes Florentia che ha vinto ai rigori la finalina con l’Ekipe Orizzonte Catania.