Ritardi

Quattordicesima ai pensionati, c’è chi aspetta quella del 2017: la denuncia della Cgil

E' una misura volta a chi ha basso reddito, ed è solo uno dei disservizi dell'Inps, accusa il sindacato

Genova. Anche quest’anno la scadenza del 2 luglio, data di pagamento della “quattordicesima” 2018 per i pensionati con reddito fino a 1014,84 euro lordi mensili è stata segnata da pesanti disguidi a causa del malfunzionamento dell’Inps. La denuncia arriva dallo Spi Cgil.

Il sindacato pensionati sta raccogliendo sul territorio le proteste di molti aventi diritto che non hanno ricevuto quanto dovuto e alle rimostranze, spiegano dalla Cgil, Inps ha risposto di invitare i pensionati e le pensionate ad avviare una pratica di ricostituzione della pensione.

“Questo invito però si scontra con la nota inefficienza dell’Inps, che fa aspettare anche più di un anno per una pratica di questo tipo: abbiamo infatti persone che, non avendo percepito la “quattordicesima” del 2017, hanno fatto domanda l’anno scorso e non hanno ancora ricevuto una risposta – si legge in una nota del sindacato – ricordiamo che la quattordicesima è una misura rivolta ai pensionati a basso reddito: coloro che hanno diritto, ma non l’hanno percepita, si trovano così nella concreta possibilità di dover aspettare tempi lunghissimi per avere una risposta”.

Più informazioni