Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Polizia locale, il comandante Giurato alla Cgil: “Non mi risulta che spetti al sindacato tutelare la sicurezza stradale”

Il capo dei cantuné risponde alla Cgil Fp in merito alle polemiche sulle sue critiche per le troppo poche multe e su altre tematiche spinose

Più informazioni su

Genova. Incassa e riparte, il comandante della polizia locale di Genova Gianluca Giurato risponde alla Funzione Pubblica della Cgil in merito alle polemiche sulle critiche ai suoi “cantuné” per le troppo poche multe e su altre tematiche spinose. Ne abbiamo parlato in questo articolo (link).

Ecco la risposta del comandante Giurato:

“Non mi risulta che rientri nelle competenze del sindacato indicare le strategie per contrastare un fenomeno così grave quale l’incidentalità stradale, spetta al comandante del Corpo, almeno fino a quando chiede di fare cose che per legge sono proprie alle funzioni tipiche della polizia locale. Evidentemente – prosegue Giurato – Leandro, non conoscendo la materia, dimentica che anche la mera presenza di un operatore in divisa serve a fare prevenzione. È facile verificare come, laddove si fanno sanzioni, l’insicurezza stradale diminuisce. Dove, invece, si fa solo prevenzione, che pure è importante, il fenomeno non si riduce se non minimamente e questo lo dicono chiaramente le statistiche”.

Il comandante Giurato fa l’esempio del Veneto dove gli incidenti stradali notturni sono diminuiti di oltre il 70% in due anni grazie all’aumento consistente dei controlli e delle sanzioni. “Se il sindacato ha da propormi strategie preventive che possano funzionare, con riscontri oggettivi, sarò lieto di ascoltare, ma è necessario proprio il requisito della concretezza, tutto il resto è solo critica fine a se stessa”, aggiunge il Comandante.

Il segretario della funzione pubblica della Cgil mette in relazione sanzioni, operatività e condizioni degli ambienti di lavoro. “Non comprendo il nesso che lega l’ordine degli arredi, degli uffici e degli spogliatoi con la questione della sicurezza stradale – prosegue Giurato -. Ci sono sicuramente delle oggettive criticità che ho rilevato io stesso andando in giro per tutti i distretti e per tutte le sedi. Per superarle, mi sono già mosso nel limite delle disponibilità economiche dell’Amministrazione. Ci sono condizioni in certi casi indecorose, a volte peggiorate dall’incuria e dal disordine causati dai comportamenti incivili di alcuni, per fortuna pochi, operatori”.

“Serve, dunque, uno sforzo comune e positivo, nella consapevolezza di ognuno che la direzione, col fine ultimo di adempiere al ruolo della polizia locale secondo le sue funzioni specifiche – conclude Giurato -, è quella di migliorare per tutti le condizioni di lavoro con la consapevolezza che questo porterà contemporaneamente al miglioramento della sicurezza stradale e della vivibilità della città”.