Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Parchi di Nervi, l’accusa del PD: “Due mesi dopo la fine di Euroflora nessun progetto di recupero”

L'opposizione in consiglio comunale dopo la commissione consiliare effettuata sul posto. Per i prati sono in arrivo 500 mila euro

Genova. I consiglieri del gruppo Pd del Comune di Genova hanno effettuato stamani, con gli altri consiglieri membri di commissione, un sopralluogo ai Parchi di Nervi per verificare l’avanzamento dei lavori di manutenzione e di ripristino del verde pubblico dopo l’allestimento di Euroflora. “Abbiamo purtroppo constatato – si legge in una nota – come, al momento, non esista alcun progetto di recupero del Parco storico che sia complessivo della manutenzione del verde, degli interventi per l’illuminazione e per la sicurezza delle aree e corrispondente alle previsioni di spesa”.

Sul piano dei finanziamenti “non ci è stato dato modo di comprendere se le risorse stanziate dalla Regione siano terminate, sappiamo soltanto che sono state genericamente destinate alla realizzazione di opere infrastrutturali. Per il soprassuolo arboreo è in arrivo un bando di 500 mila euro, stanziati dalla precedente amministrazione specificatamente per il ripristino del verde”, dicono i Dem.

Nessun finanziamento – attaccano dall’opposione – invece è stato predisposto dall’attuale giunta ma per ripristinare il 50% del manto erboso ci vorrebbero almeno 650 mila euro. Riteniamo, a questo punto, indispensabile avviare un bando finalizzato a una progettazione unitaria con esecuzione a fasi e con professionalità adeguate a un intervento filologico di restauro”.

L’assessore comunale ai Lavori pubblici Paolo Fanghella ha però specificato che “per i lavori già eseguiti e per l’installazione di un nuovo sistema di illuminazione, i cui lavori inizieranno in autunno, si ricorre a fondi stanziati dalla Regione per il dopo Euroflora, che assommano a un milione e cinquecentomila euro”.

Al sopralluogo ai parchi c’erano anche il presidente del municipio Levante Francescantonio Carleo e i vertici di Aster. I consiglieri hanno chiesto, sia all’assessore sia ai tecnici intervenuti, quali progetti siano allo studio per la sicurezza del parco, oltre alle 38 telecamere installate con i fondi regionali per Euroflora, e se sia prevista l’istituzione di un referente, ossia una persona che abbia la governance totale dei parchi di Nervi – sicurezza, pulizia, manutenzione – cui fare riferimento.