Campionati italiani

Nuoto in acque libere: Fiamme Oro Napoli e Marina Militare ex aequo nella staffetta mista

Il derby nazionale termina in parità al fotofinish

nuoto

Genova. A Genova, nella baia di Levante, nelle acque antistanti la Sportiva Sturla fondata nel 1920, presieduta da Giorgio Conte, gli azzurri si sfidano nella 4×1250 mixed di nuoto in acque libere. Gara che sostituisce il team event e che per la seconda volta è nel programma dei campionati assoluti. Cambi in acqua alle boe dei 1250 metri e per passarsi il testimone bisogna toccare in compagno tra l’avambraccio e il polso.

È derby nazionale tra Fiamme Oro Napoli e Marina Militare; a fare il tifo per i suoi “marinai” e seguirli dalla terrazza c’è anche il capitano di vascello Domenico La Faia, capo Ufficio Sport Vela della Marina Militare.

Dopo il primo giro il vicecampione del mondo della 15 chilometri a Budapest 2017 Matteo Furlan è davanti al vicitore della Coppa del Mondo 2017 Simone Ruffini; a metà gara Andrea Bianchi e Andrea Manzi nuotano spalla a spalla e Simone Ercoli, 39enne campione del mondo della 10 chilometri a squadre nel 2002 a Sharm El Sheikh e campione europeo dei 5000 a Eilat 2011 e Piombino 2012, è subito dietro. Dalla terza frazione entrano in gioco le ragazze: la neo campionessa italiana dei diecimila Giulia Gabbrielleschi per le Fiamme Oro A, Barbara Pozzobon per le Fiamme Oro B e Jennifer Martinadonna per la Marina Militare; cambiano gli equilibri e agli ultimi 1250 metri le due squadre della Polizia di Stato sembrano favorite.

All’ultimo cambio Alisia Tettamanzi parte con circa venti secondi di ritardo e con una superprestazione riprende Martina Grimaldi (15’16” la sua frazione) e supera Aurora Ponselè (15’33”). Nell’imbuto dell’arrivo si presentano spalla a spalla, l’arrivo è al fotofinish, come la maggior parte delle gare di questi campionati, e Marina e Alisia toccano insieme. Le Fiamme Oro B e la Marina Militare vincono ex aequo in 59’43″9 e le Fiamme Oro A sono terze con sei centesimi di ritardo.

Premiano il vicepresidente della Fin Liguria Claudio Zarra e il capitano di vascello Domenico La Faia. Per quest’ultimo è stato anche piacevole ritorno al passato. “Non tornavo alla Sturla da quando ero ragazzo – racconta il comandante – ed è stata una emozione particolare. Nuotavo qui che avevo 12 anni, accompagnato da mia madre. Qui ho trascorso la mia adolescenza. Negli anni del liceo giocavo a pallanuoto a Nervi e studiavo al liceo Martin Luther King, poi sono entrato in accademia ed ho salutato Genova”.

Nell’estate 2017 al Balaton Mario Sanzullo, Federico Vanelli, Giulia Gabrielleschi e Rachele Bruni erano terzi in 54’31″0. L’anno scorso agli assoluti a Bracciano vinse il titolo italiano l’Aniene con 57’00″9.

Il podio della 4×1250 mixed:
1ª Fiamme Oro Napoli B 59’43″9
(Federico Vanelli, Simone Ercoli, Barbara Pozzobon, Martina Grimaldi)
1ª Marina Militare 59’43″9
(Matteo Furlan, Andrea Bianchi, Jennifer Martinadonna e Alisia Tettamanzi)
3ª Fiamme Oro Napoli A 59’44″5
(Simone Ruffini, Andrea Manzi, Giulia Gabbrielleschi e Aurora Ponselè)

Clicca qui per consultare i risultati dettagliati.

leggi anche
nuoto
Tricolori
Nuoto, 5.000 metri: Marcello Guidi e Arianna Bridi si aggiudicano il titolo italiano
Andrea Filadelli
Nuoto
Sturla, tripletta campana al Trofeo delle Regioni
campioni nuoto gaslini
Solidarietà
Gli azzurri di nuoto in acque libere in visita ai piccoli pazienti del Gaslini
campionati assoluti nuoto acque libere 2018 sturla
Sport
Sturla, tutto pronto per campionati italiani nuoto in acque libere. In arrivo 111 atleti da tutto il paese
Nuoto in acque libere
I tricolori
Nuoto in acque libere: conclusi con un gran finale i campionati italiani di Sturla