Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Movida del Tigullio, torna il discobus: collegherà le discoteche contro le stragi del “sabato sera”

E del mercoledì. Con due capolinea, a Sestri Levante in piazza Matteotti e a Portofino, e dieci fermate intermedie. Biglietto al costo di un euro

Più informazioni su

Sestri Levante. Con due capolinea, a Sestri Levante in piazza Matteotti e a Portofino, e dieci fermate intermedie (Sestri piazza Sant’Antonio, Cavi Borgo, Discoteca Sol Levante, Lavagna Fs, Chiavari Fs, Zoagli Aurelia, Grande Hotel Bristol, Rapallo piazza Nazioni, Santa Margherita piazza Vittorio Veneto, Discoteca Covo Nord Est).

Torna sabato prossimo il DiscoBus, servizio notturno che collega i luoghi della movida e che ha lo scopo di rendere più sicure le serate in Riviera. Il Discobus costerà un euro con validità di andata e ritorno e un ticket dedicato che si chiama “DiscoPass”: una cifra simbolica e promozionale resa possibile dal contributo dei Comuni che hanno aderito all’iniziativa. Il servizio sarà svolto nelle serate dei mercoledì e sabato dei mesi di luglio e agosto.

«Siamo molto contenti di essere riusciti a riproporre un servizio che era già stato attivato una decina di anni fa e che ha sempre avuto il gradimento di tutto e in particolare dei giovani – diche Enzo Sivori, presidente di Atp Esercizio – l’invito rivolto a tutti i ragazzi e anche agli adulti è di sfruttare la possibilità offerta.
Tra l’altro gli orari a disposizione sono stati programmati per rispondere alle esigenze di chi fa le ore piccole».

Sei le partenze da Sestri: la prima alle 22.30 con arrivo a Portofino alle 23.40 e l’ultima alle 4.20 con arrivo a Portofino alle 5.30. E sei le partenze per il ritorno da Portofino con gli stessi orari. «Voglio ringraziare il sindaco della Città Metropolitana marco Bucci che ha creduto e promosso questa nuova iniziativa. E i sindaci del Tigullio che hanno dato un contributo importante. Dopo anni di inerzia e il rischio di privatizzazione, stiamo trasformando Atp in un’azienda al servizio dei cittadini» – conclude Claudio Garbarino, consigliere delegato ai Trasporti di Città metropolitana.