Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Mercatino della pulci di San Quirico, Spim vende stabile. Un anno per trovare nuova sede a “o Sbarasso da Superba” foto

L'acquirente sarebbe il privato già proprietario dell'ultimo piano, un'azienda che produce prodotti da panificazione

Più informazioni su

Genova. E’ stato venduto l’immobile in via Semini in Valpolcevera, lo stabile che ospita dallo scorso autunno il mercatino delle pulci, ribattezzato “o Sbarasso da Superba”, che ha sostituito il mercato del progetto Chance, di “doriana” memoria.

Questa mattina Spim Genova ha confermato agli offerenti, dopo le analisi dei diversi documenti, l’ok all’offerta di 3.635.000 euro pervenuta entro il termine di chiusura della selezione concorrenziale che la stessa Spim aveva lanciato nelle scorse settimane.

“In quest’area che rappresenta il vero e proprio polo commerciale e logistico della città – commenta Stefano Franciolini, amministratore delegato di Spim Genova – è stato così possibile rimettere con successo sul mercato un immobile di grande interesse per le imprese. La cifra di aggiudicazione rappresenta una vendita di grande rilevanza per Spim e il socio Comune di Genova. Significa anche aver intuito che il prezzo di mercato era quello adatto per attirare possibili investitori che rilanciassero l’immobile”.

E’ lo stesso assessore Garassino a confermare che l’amministrazione, adesso, ha circa un anno per sgombrare l’immobile, e quindi per ricollocare lo spazio mercatale, che in questi mesi si era confermato funzionare molto bene anche nella nuova realtà più lontana dal centro. In realtà, secondo il bando, ci sono 24 mesi di tempo. “Ma vogliamo essere più efficienti” afferma Garassino.

Torna, quindi, all’ordine del giorno il toto-location: nel luglio scorso, in pieno dibattito, le ipotesi circolate riguardavano l’ex mercato ovicolo del Campasso, per il quale servirebbe una ristrutturazione importante e il mercato comunale di piazza Monteverdi, a Cornigliano, per il quale però c’è il progetto di una “casa di quartiere”.

L’area dell’immobile posta in vendita è formata da una superficie interna di mq. 71880 (escluso bar e locale caldaia) oltre ad una superficie esterna pari a ca. mq. 71900. L’immobile dispone di un ampio piazzale sia al piano terra che al piano superiore.

L’acquirente sarebbe il privato già proprietario dell’ultimo piano, un’azienda che produce prodotti da panificazione.