Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Italia: archiviata in scioltezza la Georgia, martedì i quarti di finale

Tre partite e tre vittorie per gli azzurri nella prima fase del torneo

Recco. Tre su tre. Il Settebello archivia in scioltezza l’ultimo incontro del girone A e si concede un turno di riposo prima di rientrare in vasca nei quarti di finale che si dovrebbero disputare alle ore 22 di martedì 24 luglio (possibile la modifica dell’orario per esigenze televisive).

Il girone si completa con il pareggio 4 a 4 tra Ungheria e Germania con i magiari secondi per migliore differenza reti.

La Georgia, tre sconfitte su tre all’Europeo e nelle ultime tre edizioni continentali, è un test allenante che vede esordire nel torneo il secondo portiere Nicosia nel terzo tempo ed una difesa ancora eccellente che stoppa ben sedici dei diciannove tiri avversari (due in superiorità numerica).

La partita vive di fiammate come il primo e secondo quarto giocati a sprazzi. Al primo affondo capitan Figlioli dà il via alle danze. Bodegas raddoppia in superiorità da par suo alzandosi e tirando dai due metri; poi quattro attacchi azzurri sbagliati (due a uomo in più) prima della rete di Presciutti che chiude il primo parziale. Renzuto da fuori e Bodegas (doppietta in superiorità) riprendono il trend di inizio primo tempo (5-0); Molina riporta sopra al 50% la statistica in più prima che Rurua timbri il primo gol georgiano su rigore (fallo grave di Gallo) e dopo 12 minuti di gioco (1-6).

Più vivace la ripresa con il portiere romano della Sport Management che dà fiato a Del Lungo sinora sempre presente e deve subire la rete di Rurua, il primo gol con l’uomo in più dei caucasici. Dopo un tempo a secco riprende il break azzurro con Velotto in controfuga, Molina dai due metri, Presciutti a uomo in più e la doppietta Di Fulvio in controfuga e su rigore che chiude il terzo tempo sull’11-2. Il divario aumenta con la doppietta di Figlioli e il quinto extraman di Bertoli e la controfuga di Velotto; la seconda superiorità di Magrakvelidze chiude le ostilità sul 14-3.

“Siamo partiti bene – ha affermato Campagna -. Prima 3-0, poi 6-0 ma ci siamo impigriti in attacco. Poi ho detto ai ragazzi che questa partita ci serviva per allenare l’intensità perchè stare quattro giorni fermi ci consentirà di recuperare energie mentali ma può essere pericolosa dal punto di vista fisico. Dal terzo tempo invece abbiamo giocato meglio,più sciolti in attacco con delle belle controfughe. Abbiamo fatto dei movimenti molto buoni che mi sono venuti in mente durante il gioco che ci seviranno per migliorare nei prossimi match”.

Il tabellino:
Georgia – Italia 3-14
(Parziali: 0-3, 1-3, 1-5, 1-3)
Georgia: Shubladze, Kavtaradze, Tsrepulia, Imnaishvili, Bitadze, Jelaca, Jakhaia, Baghaturia, Rurua 2, Gegelashvili, Magrakvelidze 1, Meskhi, Razmadze. All. Chomakhidze.
Italia: Del Lungo, F. Di Fulvio 2, Molina Rios 2, Figlioli 2, A. Fondelli, Velotto 2, Renzuto Iodice 1, Gallo, N. Presciutti 2, Bodegas 2, Echenique, Bertoli 1, Nicosia. All. Campagna.
Arbitri: Ivanovski (Mne), e Buch (Esp).
Note. Espulso con sostituzione Renzuto Iodice a 4’34” del quarto tempo. Uscito per limite di falli Baghaturia a 6’05” del terzo tempo. Ammonito per proteste Chomakhidze a 7’50” del terzo tempo. Superiorità numeriche: Georgia 2 su 5 più 1 rigore trasformato, Italia 6 su 9 più 1 rigore trasformato.