Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Imberciadori e Cumbicus: coppia vincente per la Scarpin Run

I due podisti delle Frecce Zena si aggiudicano l'originale gara saliscendi di Borzoli. Balostro e Tornielli sono primi nelle squadre miste; Scaramucci e Moi vincono al femminile

Appuntamento molto interessante quello di domenica mattina in quel di Borzoli con la Scarpin Run, gara podistica a staffetta da corrersi in due per 9 km totali. Coppie miste e non in gara in un evento organizzato con inventiva da Angelo Perrera, il quale è fra i partecipanti.

Il sistema di squadra a coppie consente di abbattere anche le barriere fra società differenti, anche se i vincitori sono entrambi tesserati per le Frecce Zena: Enrico Imberciadori e Edwin Cumbicus. Tempi molto diversi fra i due, ma è comprensibile dato che il primo ha affrontato il tratto in salita mentre l’altro quello in discesa. Non stupisca quindi che Imberciadori chiude in 20’10” mentre Cumbicus in appena 13’02”. 

In realtà è stata proprio la prova del primo a regalare i minuti decisivi che il secondo ha preservato, basta osservare i tempi dei singoli staffettisti. La coppia vince in 33’12” nettamente più veloce di Giuseppe Fedi e Luigi Panducci, rispettivamente del Gau e dei Maratoneti Genovesi che si attestano sui 38’47”,superando di una manciata di secondi Luigi Deplano della Cambiaso Risso e Giuseppe Lombardo dei Maratoneti Genovesi. 

Molto bene la coppia formata da Benedetta Balostro e Giovanni Tornielli, rispettivamente dei Maratoneti Genovesi e della Podistica Peralto. I due chiudono al quinto posto, ma trionfano nella classifica mista con il tempo di 39’50”. Quasi tre minuti più lenti Mario Codella e Silvia Bolognesi, entrambi della Cambiaso Risso che sono secondi, mentre i terzi sono Luisa Meirana e Roberto Fassone della Podistica Valpolcevera.

Molto bene Susanna Scaramucci e Giovanna Moi, coppia tutta femminile che si impone in 43’55”. Le podiste dell’Atletica Varazze e Maratoneti Genovesi, precedono in modo chiaro Teodora Bacanu, anch’essa dei Maratoneti, e Simona Pappalardo del Gau. Terza piazza infine per Margherita Raineri del Gau, insiema a Simona Riolo, libera.