Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Dai Kraftwerk all’arte contemporanea: Emil Schult l’ “Andy Warhol tedesco” a Palazzo Ducale

Venerdì 20 luglio alle 19.30 nella sala del Munizioniere presenterà la perfomance Transhuman Art Critics con Emma Nilsson

Più informazioni su

Genova. Uno dei padri fondatori della musica elettronica, e artista multimediale, Emil Schult, componente dei celebri Kraftwerk, sarà venerdì 20 luglio a palazzo Ducale, nella sala del Munizioniere, per presentare la sua performace Transhuman Art Critics con Emma Nilsson. L’appuntamento è alle 19e30.

Transhuman Art Critics, già presentato in città come Berlino, Düsseldorf, Hagen, ad eventi come il Reading Fringe Festival (UK) e persino in Cina, è una prima assoluta in Italia. Esplora l’evoluzione della musica elettronica fino a fonderla in un percorso che unisce reperti archeologici e arte digitale. L’evento è a cura di Virginia Monteverde e Paolo Tarsi e organizzato da ART Commission Events e Anitya Records, in collaborazione con Goethe-Institut Genua, Acanto Publishing, Farmhouse Studio e Ventura Edizioni.

Emil Schult (1946) è un artista visivo, poeta e musicista, il cui lavoro spazia da opere nello spirito di Fluxus fino a testi e copertine di dischi che hanno cambiato la storia del pop. Durante i suoi studi all’Accademia d’Arte di Düsseldorf si forma con Dieter Roth, Joseph Beuys e Gerhard Richter, personalità di grande rilievo che hanno sostenuto l’approccio poetico di Schult alle arti.

Negli anni Settanta costruisce strumenti elettronici ed entra a far parte dei Kraftwerk, inizialmente come componente effettivo della band, in seguito come membro esterno. E’ anche tra gli autori di “Talk” dei Coldplay e ha creato artwork per album di culto quali “Autobahn”, “Radio-Activity” e “Trans-Europe Express”.

Emma Nilsson (* 1974) compone installazioni sonore e ha curato, in qualità di DJane, la sonorizzazione di eventi site specific per musei e gallerie.

Alcune opere di Schult saranno esposte fino il 29 luglio in sala Dogana, sempre a palazzo Ducale, nell’ambito della mostra Bad Consumers.