Tavolo

Case popolari, M5S: “Serve un censimento degli appartamenti di Arte sfitti”

Perché non esiste un elenco completo. Questa la conclusione della prima riunione dell'osservatorio permanente sull'edilizia residenziale pubblica

diga begato bucci

Genova. Oggi si è tenuto il primo incontro dell’osservatorio permanente del MoVimento 5 Stelle sull’edilizia popolare e sul degrado nei quartieri collinari genovesi.

Alla riunione erano presenti la consigliera regionale M5S Alice Salvatore, i colleghi comunali Stefano Giordano e Maria Tini, oltre ai portavoce dei singoli municipi coinvolti: Elisa Lanari e Anna Giordano (Municipio Val Polcevera), Massimiliano Lucente (Municipio Centro Est), Michele Colnaghi e Laura Risso (Municipio Centro Ovest), Roberto Scibetta (Municipio Medio-Ponente), Lara Delpino (Municipio Media Val Bisagno), Massimo Currò e Fabio Gabutti (Municipio Ponente), Laura Serpe (Municipio Bassa Val Bisagno), Gilberto Repetto e Stefania Giovinazzo (Municipio Levante) e Alessandro Pierandrei (Municipio Medio-Levante).

“Il primo impegno ufficiale è quello di realizzare un censimento di tutti gli appartamenti sfitti di Arte Genova, in modo da poter avere un quadro chiaro e dettagliato sull’edilizia popolare – spiegano i portavoce M5S – È curioso che, a oggi, non esista ancora un censimento ufficiale sugli appartamenti liberi, se pensiamo alle liste infinite e ai tempi di attesa biblici per vedersi assegnato un alloggio da parte di migliaia di famiglie in difficoltà. Una lacuna che va al più presto colmata e da cui abbiamo scelto di partire per poter individuare criticità e soluzioni.”

Il prossimo tavolo, che viene convocato con cadenza bimestrale, è già stato fissato per il prossimo 27 settembre.

leggi anche
Generico
Edilizia erp
La Diga e le altre case popolari, la ricetta del M5S: “Un osservatorio istituzionale permanente”