Tavolo

Case popolari, M5S: “Serve un censimento degli appartamenti di Arte sfitti”

Perché non esiste un elenco completo. Questa la conclusione della prima riunione dell'osservatorio permanente sull'edilizia residenziale pubblica

Genova. Oggi si è tenuto il primo incontro dell’osservatorio permanente del MoVimento 5 Stelle sull’edilizia popolare e sul degrado nei quartieri collinari genovesi.

Alla riunione erano presenti la consigliera regionale M5S Alice Salvatore, i colleghi comunali Stefano Giordano e Maria Tini, oltre ai portavoce dei singoli municipi coinvolti: Elisa Lanari e Anna Giordano (Municipio Val Polcevera), Massimiliano Lucente (Municipio Centro Est), Michele Colnaghi e Laura Risso (Municipio Centro Ovest), Roberto Scibetta (Municipio Medio-Ponente), Lara Delpino (Municipio Media Val Bisagno), Massimo Currò e Fabio Gabutti (Municipio Ponente), Laura Serpe (Municipio Bassa Val Bisagno), Gilberto Repetto e Stefania Giovinazzo (Municipio Levante) e Alessandro Pierandrei (Municipio Medio-Levante).

“Il primo impegno ufficiale è quello di realizzare un censimento di tutti gli appartamenti sfitti di Arte Genova, in modo da poter avere un quadro chiaro e dettagliato sull’edilizia popolare – spiegano i portavoce M5S – È curioso che, a oggi, non esista ancora un censimento ufficiale sugli appartamenti liberi, se pensiamo alle liste infinite e ai tempi di attesa biblici per vedersi assegnato un alloggio da parte di migliaia di famiglie in difficoltà. Una lacuna che va al più presto colmata e da cui abbiamo scelto di partire per poter individuare criticità e soluzioni.”

Il prossimo tavolo, che viene convocato con cadenza bimestrale, è già stato fissato per il prossimo 27 settembre.

leggi anche
  • Edilizia erp
    La Diga e le altre case popolari, la ricetta del M5S: “Un osservatorio istituzionale permanente”