Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Assessorato alla Cultura, la petizione on line che “spinge” mister Rolli Days Giacomo Montanari

Oltre mille persone stanno appoggiando il nome del divulgatore culturale

Genova. Nonostante l’apparente calma di mezza estate, sono giornate oltremodo concitate a Tursi: il posto vacante per l’assessorato alla Cultura potrebbe avere le ore contate.

Ma mentre nelle stanze del palazzo e negli uffici delle istituzioni cittadini si incrociano desideri, contrappesi politici e mosse strategiche, la rete da le ali ad una “candidatura” fortemente legata al settore museale e della divulgazione culturale.

Oltre mille persone, infatti, hanno appoggiato in questi giorni la proposta di candidatura, arrivata tramite petizione on line, che riguarda Giacomo Montanari, alias mister Rolli Days, curatore scientifico delle manifestazioni che in questi anni hanno raccolto grandi successi, sia in termini numerici che di gradimento culturale.

Nel 2006 il “sistema dei Palazzi dei Rolli” è stato riconosciuto patrimonio Unesco. Nel 2009 il Comune ha varato i “Rolli Days”. Nel 2012 subentra l’allora 28enne Giacomo Montanari, oggi tra i più influenti studiosi del settore, attivissimo divulgatore del patrimonio storico e culturale della città.

La candidatura arriva con petizione organizzata da Jacopo Baccani, architetto, che ha lanciato la raccolta firme per sostenere Montanari: “perché allora non mettere il suo talento a disposizione di un assessorato comunale come quello alla Cultura – si legge nel testo della petizione – oggi più che mai bisognoso di rinsaldare i legami con i tanti operatori culturali già presenti a Genova ma privi di un coordinamento generale, ottenibile attraverso una programmazione che non si accontenti di estemporanee campagne di visibilità ma punti a un prestigio duraturo?”.

La petizione on line è stata sottoscritta da oltre mille persone e in questi giorni è stata condivisa centinaia di volte sui social; una candidatura che arriva da una parte della città che con la cultura e il patrimonio storico vive e lavora.