Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Anche Potere al Popolo dice no al deposito petrolifero sotto la Lanterna

Il movimento di sinistra, presente con un consigliere in municipio Centro Ovest, è contrario anche alla "lotta tra quartieri"

Più informazioni su

Genova. In attesa della manifestazione di mercoledì 18 luglio anche Potere al Popolo interviene sulla questione del possibile spostamento del deposito petrolifero da Multedo alla Lanterna.

“Non si capisce perché i depositi petroliferi Carmagnani e Superba siano pericolosi a Multedo e invece nella zona sotto la lanterna no – si legge in un comunicato del movimento di sinistra, rappresentato da un consigliere in municipio Centro Ovest – l’annunciato spostamento da parte dell’amministrazione dei depositi non ci convince perché se esistono seri problemi di incompatibilità con l’abitato, queste produzioni devono trovare alternative credibili fuori dalla città ad una distanza di sicurezza utile”.

In realtà nessuno spostamento è stato annunciato dall’amministrazione. Semplicemente gli uffici tecnici comunali di urbanistica e demanio hanno dato un parere sulla non incompatibilità tra il piano dello spostamento e il Puc. Sempre che non ci sia il rischio di incidente rilevante con impatto su un’area abitata. Che, vista la distanza dell’eventuale deposito con le case più vicine non c’è. E questa sarebbe, peraltro, la differenza con i depositi di Superba e Carmagnani a Multedo.

Ad ogni modo, a Potere al Popolo non piace che il provvedimento abbia fatto scattare una sorta di “guerra” tra quartieri. “Si fanno diventare Sampierdarena e San Teodoro parte di un municipio di serie B, scaricando sul nostro territorio un’altra servitù come se non bastassero le preoccupazioni dei cittadini per i fumi di scarico delle navi in sosta e il traffico di auto e camion conseguenti all’attività portuale”, si legge ancora nel comunicato.

“L’ubicazione prevista per i depositi petroliferi – continua Pap – si troverebbe a poca distanza dal centro abitato e proprio nel cuore del porto, già attraversato ogni giorno da migliaia di lavoratori e di turisti che imbarcano e sbarcano dai traghetti per varie destinazioni. Ma anche i cittadini di Multedo non si facciano illusioni e sappiano che gli speculatori edilizi, amici di questa giunta di centro destra così come del Partito Democratico, sono già pronti per indirizzare i propri interessi su quelle colline in una zona decisamente molto appetibile per il mercato immobiliare”.