Le repliche

Amt, il vicesindaco Balleari: “L’in house resta il nostro obiettivo, su iscrizione ad Anac uffici al lavoro”

Beltrami (Amt) su integrazione tariffaria: "Resta, ieri ci sono state volute cattive interpretazioni"

Genova. Dopo la confusione di ieri in seguito alla domanda di un sindacalista circa l’iscrizione di Amt e Atp al registro anti corruzione – condizione indispensabile per poter svolgere servizi per la pubblica amministrazione senza gara, oggi Amt e Comune di Genova, provano a tranquillizzare tutti.

“L’in house è l’obiettivo di questa amministrazione – ribadisce il vicensindaco Balleari riprendendo quanto affermato dal sindaco nel pomeriggio – il modo per raggiungerlo è vario”. E l’iscrizione all’Anac? “Ci sarà – assicura Balleari – gli uffici stanno lavorando per questo e per quanto riguarda Atp abbiamo da risolvere la questione del socio privato, ma l’obiettivo dichiarato era di arrivare all’in house e quello rimane”.

Anche rispetto al biglietto integrato Amt-Trenitalia, l’amministratore unico Marco Beltrami ribadisce che “si è trattato solo di cattive interpretazioni o di volute cattive interpretazioni perché semplicemente Ferrovie ieri ha dichiarato che da gennaio introdurrà un biglietto solo ferro, altro non è stato detto e per quanto ne sappiamo noi l’integrazione tariffaria resta”.

leggi anche
  • Requisito
    Amt verso l’in house, solo ora è ufficiale: avviata la procedura per l’inserimento nell’elenco Anac